Informazioni
Autore: Mourning
Traduzione: Dope Fiend

Formazione
Brandon Von - Tutti gli strumenti


Ho il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Brandon Von, mente dei Malignant Christ. Benvenuto su Aristocrazia, come va la vita?

Io sto benissimo, l'album è uscito abbastanza bene e io non potrei essere più felice!


Iniziamo introducendo la tua creatura, come è nata la band, da chi è composta e quali sono i punti di riferimento musicali e ideologici che segui per fornirle una direzione precisa?

Ho dato vita a Malignant Christ nel gennaio del 2007 con alcuni amici. In questo momento la band è composta da me soltanto e io sono l'unico che ha suonato sul disco, anche se l'ex bassista e vocalist Joey Richesin ha scritto alcuni dei testi. L'obbiettivo di Malignant Christ fin dal primo giorno è stato quello di suonare vero death metal senza stronzate modaiole e di tirare fuori la musica più malata possibile. Malignant Christ è la mia vita e la mia forza vitale, vorrei morire se non ci fosse. Malignant Christ è ciò che mi permette di svegliarmi ogni giorno e vivere normalmente.


Ho notato che c'è stato un gran viavai di musicisti nelle fila dei Malignant Christ, è difficile mantenere una formazione stabile?

Estremamente, viviamo nella Bible Belt degli Stati Uniti [area comprendente più stati degli U.S.A. in cui la maggior parte della popolazione professa attivamente la religione protestante, ndt] e non ci sono molte persone dedite alla musica estrema qui. La maggior parte è attratta da puttanate come Whitechapel e Suicide Silence o quei froci di merda che adorano i Pantera.


"Forever In Chaos" è il tuo parto, nessun altro ci ha messo mano in ambito compositivo e strumentale, com'è stato lavorare da solo sull'album? Quali sono le difficoltà oppure le agevolazioni nello scegliere di portare avanti un solo-project?

In realtà, l'ex bassista e vocalist Joey Richesin ha scritto il testo di "Shrine Of The Dismembered". Ma io ho composto tutti i riff, gli arrangiamenti e la maggior parte dei testi quindi hai detto una cosa giusta al riguardo. Per certi versi è più facile lavorare da solo perché non ci sono altri input quindi l'album è la mia visione perfetta di questo progetto. D'altra parte il fatto che sono da solo è un po' oneroso finanziariamente. Io non mi vedo come un progetto solista perché ho ​​intenzione di trovare altri membri e lavorare con altre persone. Da ora in poi probabilmente scriverò tutto io ma, a parte questo, preferirei lavorare anche con altre persone nei Malignant Christ.


Il disco mi è piaciuto molto, è retrò, blasfemo, pieno di atmosfere e sensazioni negative che convergono all'interno dei pezzi. Come nasce un tuo brano? E come scegli il testo che gli è più adatto?

Bene, è molto forte l'influenza dal materiale classico come Immolation, Morbid Angel, Sinister, Incantation, Killing Addiction, Atrocity, (vecchi) Gorguts, ecc... I testi sono racconti dell'orrore ma sicuramente ispirati dalla vita reale e dalle cose che abbiamo vissuto o di cui abbiamo una buona conoscenza. Una mia canzone nasce in modo strano, nel senso che io scrivo prima la tablatura sul mio computer e poi la suono e vi apporto modifiche. Un sacco di persone compongono tramite prove ma io in realtà non funziono così e quando faccio queste cose mi sento come se non avessi tirato fuori tutto. Mi sento come se stessi riascoltando di continuo le stesse canzoni perdendo tempo ad usare sempre lo stesso riffing. Di solito mi ci vuole molto più tempo per scrivere rispetto a quello che impiego per suonare ciò che ho scritto. Stessa cosa per la scrittura di testi che di solito passa attraverso svariate bozze di testi prima che io ne sia soddisfatto.


Quanto credi sia forte al giorno d'oggi il movimento anti-religioso? Pensi che l'uomo si stia finalmente ribellando all'effetto dell'oppiaceo per eccellenza?

Per essere onesto in realtà io non mi vedo come un anti-religioso. Malignant Christ è realmente una band satanica. In America tutto sembra essere sempre più cristianizzato. Per me la religione in sé non è un male in quanto credenza in un Dio, nella giustizia e in una vita dopo la morte, è un male come la gente pervertita l'abbia mutilata e ritorta per far sembrare che un dio abbia dato loro personalmente il diritto e l'autorità per fare ciò che vogliono. Queste persone sono veramente vili e dovrebbero estinguersi.


Quando si parla di tematiche e death metal si tira spesso fuori la parola "cliché", non credi che molti sottovalutino quest'aspetto limitandosi a etichettare il genere solo per l'impatto e la cattiveria che sprigiona? Quali sono le tematiche che preferisci affrontare e se potessi organizzare un concerto in Vaticano, quale pezzo dedicheresti ironicamente al Papa?

C'è un pezzo nell'album, "Suspended In Agony" che parla di un ragazzo appeso per il cazzo attraverso dei ganci che viene riempito di merda e torturato sessualmente da una dominatrice; penso che sarebbe una buona canzone da dedicare al Papa. Credo che il death metal venga davvero frainteso perché le band migliori non sono mai state davvero famose quindi un sacco di gente non sa davvero come gestire la cosa. E un sacco di fan del metal preferiscono la roba melodica e, almeno nel caso di Malignant Christ, non c'è molta melodia.


Il panorama underground è cambiato anno dopo anno, quali sono le caratteristiche che a tuo avviso contraddistinguono il voler rimanere legati a quel tipo di realtà in maniera seria e coerente? Questo termine non viene usato alle volte come uno scudo-paracritiche o per racimolare consensi da chi rema contro qualsiasi forma di musica che non esca in versione ultra-limitata?

Malignant Christ non si associa con nessuna band che non sia vera, sia death o black metal. Se una band fa queste cose per sembrare cool non ci vogliamo avere nulla a che fare. Stessa cosa per quanto riguarda riviste o programmi radiofonici, qualunque cosa. Abbiamo chiesto di non passare i nostri brani in trasmissioni radiofoniche che abbiamo appurato essere gestite da persone che non capivano nulla di metal e avrebbero reso tutto ironico e divertente, quasi parodiale. Non sto dicendo che non ci dovrebbe essere umorismo nel metal, al contrario, ma quando si tratta di cose in cui tutto sembra un grande scherzo, noi non vogliamo avere nulla a che fare con esso. Lo stesso vale per le persone che maltrattano gli animali, Malignant Christ è fortemente contro gli abusi sugli animali.


Chi si avvicina a certi generi estremi e si mette a produrre i propri lavori finisce spesso con il rimetterci di tasca propria, è solitamente la passione a muovere le fila di trame che portano a galla dischi come "Forever In Chaos". C'è mai stato un momento nel quale hai pensato di smettere di suonare o di dedicarti ad altro?

No, mai. Anche se per tutto il 2008 sono stato giù di morale e non abbiamo fatto nessun live. Questo è stato nel periodo di transizione dalla nostra affezione per i satanici Deicide / Vital Remains al nostro stato attuale. Ma tutto ciò che la maggior parte della gente considererebbe una battuta d'arresto, per me è stata un'esperienza di apprendimento. Noi a questo punto eravamo auto-finanziati, nel senso che non abbiamo dovuto spendere soldi nei Malignant Christ per circa un anno, non avevamo abbastanza soldi per stampare CD e t-shirt. Certo, non abbiamo mai ottenuto un centesimo da questa band, ma non devo usare i miei soldi per avere merchandise, i Malignant Christ pensano ad altro e questo è bene. Ma non sono mai riuscito a vedermi al di fuori dei Malignant Christ. Come ho detto prima, questo mi permette di vivere bene. I Malignant Christ sono una parte di ciò che sono ed è davvero indivisibile da me stesso. Brandon Von e i Malignant Christ sono la stessa cosa: questa banda è la mia forza vitale.


Un paio di settimane fa ho avuto modo d'intervistare Ryan degli Elders Of Apocalypse che, per quanto affermato da lui, hanno suonato in vostra compagnia, come ricordi quella serata? E com'è messa la scena metal in Tennessee?

È piccola e Ryan è uno dei miei migliori amici. Ho soltanto cose buone da dire su di lui, Sam e Jay degli Elders Of Apocalypse hanno pubblicato un album molto classico, "The Law Of Iron". Non hanno mai suonato con noi ma hanno suonato in un live in cui ho partecipato con la loro altra band, Cannibal Rites, che è stato molto intenso e abbiamo davvero rovinato ogni cristiano quella notte. La nostra scena metal è davvero piccola, come ho già detto non c'è molta roba vera. Ci sono Malignant Christ, Elders Of Apocalypse, Goatfucker, Your Kids On Fire, Argentinum Astrum, Domestic Assault e un paio di altri gruppi. La maggior parte della roba qui è merda in stile Pantera o Whitechapel.


Girando in rete ho letto che hai suonato live con a supporto una drum-machine, è corretto? Stai cercando un batterista in carne e ossa o ritieni che andare avanti così sia meno problematico?

Oh, noi probabilmente avremo sempre una drum machine. In questo modo la batteria è esattamente come la volevo quando ho scritto i pezzi. Nella mia testa io so come suonare la batteria ma le mie membra semplicemente non lo fanno. Come so come si fa un blast-beat. E che sono stronzate quando le persone ti dicono che non puoi fare molto con la drum-machine perché in realtà posso fare tutto quello che vuole la mia immaginazione. All'inizio c'era l'intenzione di provare a cercare un batterista ma non ci siamo riusciti e nel tempo la drum machine è entrata a far parte della band. Senza di essa non sarebbero i Malignant Christ.


La politica è un po' una rottura di palle, soprattutto quando si ascoltano parole su parole ma non si vedono mai realizzate le promesse fatte. Potessi formare un governo composto esclusivamente da uomini simbolo della scena estrema, chi vedresti bene e in quale ruolo?

Credo nella sopravvivenza del più forte, sia nella musica che nella società.


Torniamo a "Forever In Chaos", che responsi ha avuto il disco? Com'è stato accolto da critica e ascoltatori?

I responsi sono variegati. Ci sono state alcune riviste che lo hanno etichettato come il miglior album dell'anno, il che è incredibilmente lusinghiero. Per la maggior parte dei casi la risposta è stata buona. La cosa più strana è quando le riviste non sanno come gestire la musica e cercano di confrontarla con Xasthur o qualcosa del genere perché ho fatto l'album da solo. Di solito quelle recensioni non sono così buone ma sono poche e distanti tra loro. Per la maggior parte stiamo godendo di un percorso critico molto promettente con questo album. Anche ai fan è piaciuto. Abbiamo quasi esaurito la prima stampa e farò una ristampa nelle prossime due settimane.


Io una critica la devo fare: purtroppo il suono di batteria penalizza l'album ed è un peccato perché per quanto mi riguarda hai tirato fuori davvero un gran lavoro. Visto che a quanto ho compreso stai già componendo il sequel, pensi che in futuro ci possa essere la possibilità di un restyling, almeno sotto quel punto di vista, rispetto a "Forever In Chaos"?

Il rullante è troppo alto nel missaggio ed è stato una sbaglio mio. Ho registrato l'album in nove giorni in una macchina con otto tracce ma per la maggior parte penso che sia venuto fuori davvero bene. Abbiamo idee e progetti per altri due album e poi stiamo pensando di registrare nuovamente l'album. È bello come alcune delle vecchie band della nostra zona come Besieged e Enter Self in realtà non abbiano scritto molte canzoni e i Besieged abbiano comunque pubblicato l'album due volte. Non sto dicendo che fossero da buttare perché sono stati una grande influenza per i Malignant Christ ma è la verità. Vogliamo fare alcune cose nuove prima di rifare roba vecchia. Ho anche intenzione, se si riregistrarà questo album, di mantenere in stampa la vecchia versione in modo che i fan possano scegliere quella che piace di più.


Se avessi occasione di poter collaborare con tre musicisti alla stesura del nuovo platter, quale sarebbe la tua line-up ideale (con te come frontman ovviamente)?

La mia formazione ideale sarebbe composta da me, Brian Kelly degli Oakmoon e Black Ritual alla chitarra o al basso e Blase Adina dei Cernunnos alla chitarra o basso. Siamo una band con una drum-machine, quindi non posso scegliere un batterista ideale anche perché non ce n'è mai stato uno.


Diamo ai nostri lettori i perché di Brandon Von sullo scegliere di far girare i Malignant Christ nello stereo.

Io sono di parte e quindi penso che, a eccezione di alcuni difetti nella produzione, l'album sia molto classico ma a tutti i fans che volessero provarlo dico che se vi piace il death metal spero che vi piacerà quello che abbiamo creato. E se non è così allora dovreste uccidervi.