Gruppo: Blasphemophagher
Titolo: The III Command Of The Absolute Chaos
Anno: 2011
Provenienza: Italia
Etichetta: Nuclear War Now! Productions
Contatti:

Facebook  Myspace

 
TRACKLIST
  1. Chaostorm Of Atomization
  2. Abominable Nuclear Penetration
  3. Ritual Of Disintegration
  4. Entering The Expanding Plasma
  5. Command Of Pandemonic Forces
  6. Genesis Of The Antiworld
  7. Lords Of Death Continuum
  8. Beyond Absolute Chaos
  9. The Primordial Desolation
  10. Cult Of Nuclear Hell
DURATA: 33:57
 

Dopo un anno, due raccolte e uno split, ritorna una delle migliori fabbriche belliche italiane che fornisce solo armi col sigillo DOC. Che cosa ci offre questa terza serie di mezzi corazzati che porteranno desolazione nei nostri paesaggi? L'armamento dei Blasphemophagher consiste di dieci pezzi con un calibro di 135 millimetri che vomitano munizioni poco convenzionali e alquanto scomode per l'avversario.

Se considerate gli esperimenti francesi eseguiti sull'atollo di Muroroa come non degni della razza umana e che le loro conseguenze fossero ignobili, allora evitate l'ascolto di "The III Command Of The Absolute Chaos".

La copertina è stata nuovamente dipinta da Paolo Girardi ed è quasi sprecata per la versione CD. Per godersela sarebbe necessario acquistare almeno la versione in vinile. Piccola informazione a lato: Pete Helmkamp è stato ospite speciale per l'esecuzione del pezzo "Genesis Of The Antiworld". Come d'abitudine la NWN! vi offre diverse versioni in vinile. Se volete essere proprietarî di una copia cosiddetta «die hard», datevi da fare. Yosuke non accetta prenotazioni e queste chicche spariscono in fretta, per poi finire a prezzi astronomici su Egay.

«Sentimmo dei rumori terrificanti e infernali nell'oscurità... l'aria ci trasportò la sensazione di un'enorme massa malvagia e radioattiva che avanzava sul campo, con l'obiettivo di soffocarci lentamente e senza pietà, asfissiando tutte le nostre speranze di fuga o di sopravvivenza.»: ecco quale potrebbe essere la testimonianza di un superstite — come se potessero essercene — che ha avuto la disgrazia di incontrare il nuovo miracolo tecnico dei nostri eroi italiani.

L'arma è d'impatto e agisce questa volta in maniera molto più lineare che non in passato. Le influenze portate dall'acciaio canadese sono evidenti e non svalorizzano il prodotto, com'è invece il caso per molte altre fabbriche di morte simili. La ricetta letale non cambia di parecchio; l'ascoltatore che defeca sull'innovazione a tutti i costi ne sarà grato. Chiaro, un poco di varietà in più non sarebbe male; il rischio di ripetersi in eccesso è pur sempre grande.

Che cosa è indispensabile per un'arma a grande effetto? Che cosa? Forza, un poco di fantasia! E-n-e-r-g-i-a! La Bomba Tsar con i suoi cinquanta Megatoni era piccola per i vostri gusti? Perfetto! Qui riceverete una completa Triade Nucleare nei coglioni! Ti piace, eunuco?