Gruppo: Black Beings
Titolo: Anathematize
Anno: 2011
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: Freak Metal Records
Contatti:

 Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. Phase1: Malediction
  2. Phase2: Into Nothingness
  3. Phase3: Eternal Damnation
DURATA: 28:47
 

Dopo averlo inseguito a lungo, riusciamo, a un anno dalla sua uscita, a mettere le mani su "Anathematize", secondo ep dei Black Beings, terzetto della West Coast. Guidati dall'eclettico Aaron "Dead" Nedry (già ospite su queste pagine con i lavori a nome "Akem Manah" e a capo di diversi altri progetti), si dedicano a un canonico ma piacevole funeral doom metal dai tratteggi noise e industriali, che ricorda da vicino quanto proposto dalla scena americana attraverso i Catacombs e i Celestiial di Jason Walton, pur senza l'aggressività del primo e la finezza dei secondi.

Le tre tracce offerte sono piuttosto "sbilanciate", nel senso che il grosso della produzione è racchiuso nella conclusiva, che con i suoi sedici minuti rappresenta da sola ben più della metà del lavoro totale. Nonostante questa asimmetria, tuttavia, grazie anche e soprattutto alle sfumature industrial di cui è colorato, il disco si presenta ben omogeneo e i tre pezzi sono uno la naturale prosecuzione dell'altro, risultando quindi difficile dire dove uno termini e il successivo abbia inizio. Le contaminazioni, inoltre, si fanno preponderanti quando si arriva alle parti vocali: tolti alcuni accenni, il "cantato" non è in growl, ma si presenta come un parlato sommesso e fortemente sovrainciso, sporcato e con un alone da una lavorazione "a macchina". A questo si aggiunga che non sono molte le parti in cui la voce è presente, in favore di tastiere reiterate, ripetute fino all'ossessione, specialmente nella parte finale del trittico.

Poco materiale per un esame approfondito del progetto, eppure quanto "Anathematize" mette in mostra è più che valido: se il funeral doom non è mai stato uno dei vostri generi preferiti, anche a causa della durata spesso proibitiva dei lavori a esso ascrivibili, potreste trovare in questo ep un giusto compromesso.