Gruppo: Huldre
Titolo: Intet Menneskebarn
Anno: 2012
Provenienza: Danimarca
Etichetta: Gateway Music
Contatti:

Sito web  Facebook  Bandcamp  Reverbnation  Myspace  iTunes

 
TRACKLIST
  1. Ulvevinter
  2. Trold
  3. Skovpolska
  4. Brandridt
  5. Gennem Marsken
  6. Vaageblus
  7. Havgus
  8. Spillemand
  9. Beirblakken
  10. Knoglekvad
  11. Skærsild
DURATA: 50:53
 

È innegabile che il folk metal sia stato uno dei generi più inflazionati dell'ultimo decennio, sulla scia del successo di Finntroll e di altre formazioni che hanno portato il genere agli onori delle cronache, quantomeno a livello commerciale. Prendo ad esempio gli Eluveitie, band che più di altre è stata determinante per una più ampia diffusione del genere, grazie a un sound estremamente orecchiabile e abbordabile anche per il pubblico più giovane. A oggi decine di gruppi hanno tentato la propria fortuna inserendosi in scia ai colossi, cercando di cavalcare il momento, con proposte spesso anonime e talvolta addirittura imbarazzanti, con qualche perla originale in un mare di mediocrità.

La proposta degli Huldre, va detto, si allontana dai lidi più noti di influenza black o death metal, e si concentra maggiormente sulla componente puramente folkloristica, tant'è che le chitarre, sebbene sempre presenti, passano costantemente in secondo piano rispetto alle trame sonore tessute dal violino, dal flauto e dall'ormai imprescindibile hurdygurdy. Insomma "Intet Menneskebarn" è lontano anni luce dal folk black aggressivo di cui è pieno il mondo, e anzi si avviciniamo a una musica più rockeggiante a là Otyg o Myrkgrav, sfiorando a tratti un folk rock di lumskiana memoria. Significativa a questo riguardo è la scelta di non avvalersi di un cantato maschile ad accompagnare Nanna Barslev: la frontgirl è dotata di un timbro vocale particolare, sicuramente distintivo, capace di disegnare ghirigori dal retrogusto quasi mediorientale e di colpire di primo impatto il fruitore del disco, ma tuttavia, non possedendo un'estensione eccelsa e risultando anzi sulla distanza abbastanza monocorde, si rivela insufficiente a tenere alto il livello di tensione dell'ascoltatore.

L'impressione è costantemente quella di trovarsi di fronte a un gruppo potenzialmente in grado di porre un notevole delta qualitativo fra sé e gli altri neonati folker, la padronanza strumentale degli Huldre è notevolissima, le idee non mancano, ma possono essere meglio sfruttate. Pezzi come l'apertura "Ulvevinter", squisito biglietto da visita, riffing lento eppure non banale, ottima melodia e struttura solida, si alternano a momenti più stanchi e meno riusciti, vedasi "Brandridt" che coi suoi sei minuti e mezzo risulta tediosa, o l'eccellente accoppiata composta da "Vaageblus" e "Havgus", due brani dalle sonorità più dure, che anticipano il banalmente danzereccio "Spillemand".

Nel complesso "Intet Menneskebarn" è una prova onesta e degna di essere segnalata, teniamo d'occhio gli Huldre; in fondo i ragazzi sono solo alla loro prima apparizione su disco, hanno dimostrato talento e meritano il tempo per poter affinare e definire la propria direzione musicale. Le doti non mancano.