Gruppo: Decision
Titolo:  The Unholy Days Of Slaughter
Anno: 2010
Provenienza:  Germania
Etichetta: Audiofolter.Com
Contatti:

Facebook  Myspace  

 
TRACKLIST
  1. Terror Reign
  2. Blood For Blood
  3. Believe
  4. Cannibal Holocaust
  5. Cold Blood
  6. Celebrated Deathmachine
  7. Lords Of Death
DURATA: 22:47
 

I dettami che la scuola death metal d'inizio anni Ottanta e Novanta ha lasciato ai posteri sono fortunatamente duri a morire, è innegabile che si stia vivendo un revival sempre più infervorato e attento nel riproporre le sonorità di quel periodo con risultati in più casi soddisfacenti e a questa corrente si uniscono i tedeschi Decision.

Il trio proveniente da Berlino si cimenta nella versione brutale dello stile tanto cara a Deicide e Malevolent Creation ricordandomi per alcuni versi "In Cold Blood" nel quale era Jason Blachowicz a ricoprire il ruolo di bassista-cantante della band di Phil Fasciana.

I poco più di ventidue minuti che costituiscono "The Unholy Days Of Slaughter" sono caratterizzati dal violento e pestato percuotere la batterida da parte di Tormentor, dall'alternarsi del buon growl, gutturale e acido quanto si deve e dall'infiltrarsi di fasi screammate che potrebbero ricordare i Belphegor, in entrambi i casi l'impostazione è abbastanza decisa e maligna da risultare ben piazzata e brani come "Blood For Blood", "Cannibal Holocaust", "Cold Blood" e "Lords Of Death" sono degni rappresentanti della maniera con la quale i Decision abbiano seriamente intenzione di farsi notare.

I pezzi in genere non sono molto complicati, preferiscono andare a colpire subito il bersaglio predestinato e c'è da dire che da questo punto di vista se la cavano più che bene. Il suono è supportato da una produzione che permette una discreta resa strumentale anche del basso che forse un po' più alto nel master avrebbe avuto possibilità di aumentare la spinta delle basi, un pizzico di varietà compositiva in più avrebbe poi giovato a rendere meno omogeneo il disco.

Per essere dinanzi a una prova d'esordio non ci si può comunque lamentare di un "The Unholy Days Of Slaughter" che bastona come e quando serve. Martellate senza compromesso, blasfemia e puzzo di cadavere sono motivi validi per mettere su un album come questo? Assolutamente sì, la Morte non segue regole se non quella di stendere chi si trova di fronte e i Decision con le loro mattonate vi daranno una mano.