Informazioni
Gruppo: Decrepid
Titolo: Devoted To Death
Anno: 2011
Provenienza: Londra, Regno Unito
Etichetta: Ftw
Contatti: www.myspace.com/decrepiddeath
Autore: Mourning

Tracklist
1. Devoted To Death
2. Sins Of Sodom
3. Avoiding Humanity
4. Goats Blood
5. Purgatory
6. Endless Hate
7. Kill Or Be Killed
8. Born To Die
9. Bloodlust

DURATA: 33:40

DECREPID - Devoted To Death La new wave del movimento old school death continua a partorire realtà interessanti, ultimi solo in ordine di tempo ad arrivare al mio orecchio, sono i Decrepid la formazione britannica, nella cui line-up militano componenti di altre band dell'underground UK quali Necrosadistic Goat Torture e Repugnant Inebriation, in questo 2011 ha dato alle stampe il debut album "Devoted To Death".
Perché ascoltare ancora una volta musica old fashioned? Perché il legame col primorde del genere è qualcosa che si deve mantenere vivo e per farlo sono necessarie di qualità e dedizione, caratteristiche che un platter come quello che ci propongono i Decrepid possiede e non sono le sole per nostra fortuna.
Oltre al classico rifarsi per lo più alla scuola europea (svedese, con tratti di quella nazionale da cui provengono e di quella olandese che vengono palesati in più circostanze), oltre al saper giostrare le cadenze ritmiche e le dinamiche rendendo più tagliente e incisivo l'incedere con inflessioni thrash o aumentandone il colore nero con l'aggiunta di spigoli blackish, ciò che permette alla tracklist di scuotere le teste è l'avere in sè un paio di vere e proprie hit ("Sins Of Sodom", "Avoiding Humanity", "Purgatory" nella quale si ha presenza di rallentamenti a diluire in maniera percettibile ma non costante l'ondata di odio tramutandola in fango ribollente, "Kill Or Be Killed" e "Bloodlust").
Non si limitano poi a riproporre un semplice compitino ben eseguito attenendosi forzatamente a schematiche troppo spesso interpretate con mera scolasticità, piacevoli sì ma poco longeve nello stereo, la dimostrazione sta nel fatto che pur usando un minimo di tecnica in più, arricchendo i passaggi con incastri putrescenti e non scontati, evidenziano che si può far convivere marciume e varietà compositiva senza rientrare nel settore "pippe allo strumento".
I Decrepid sono certamente da considerare e inserire in quella schiera di act nuovi e promettenti, non corrotti dalle mode del crossover forzatamente commerciale o onanistico che il più delle volte è pre-impostato a tavolino in maniera tanto palese da far lamentare i più accaniti fruitori e compratori di metal per la raccolta differenziata che tocca fare ogni volta che si compra un disco uscito da certe label, il cestino della plastica diviene colmo in poco più di un trimestre.
"Devoted To Death" sin dal titolo mette in chiaro il suo essere una vera e propria dichiarazione d'amore per il metallo della morte, non potete negarvi un acquisto simile.