Informazioni
Gruppo: By Brute Force
Titolo: Breakdown The Masses
Anno: 2012
Provenienza: Germania
Etichetta: Rotten Roll Rex
Contatti: facebook.com/ByBruteForce
Autore: Mourning

Tracklist
1. Intro
2. High Tide Neighbourhood
3. Enter The Ground (This Is A Grindcore Lifestyle)
4. Through And Through - Bullet Wound
5. Triviale
6. Vomit Dog
7. Asesino Dela Contracto
8. Bastard Against The Brotherhood
9. Tripping Class Interruption
10. Separate Treatments
11. Innocent Or Guilty
12. Kingdom Of Brutality
13. YMKA - Young Men's Killing Association
14. Ultimate Bloodwrath
15. Inhuman Training 2012

DURATA: 32:20

La scena tedesca Death/Grind ci regala soddisfazione da anni, gli ahimé ormai splittati Japanische Kampfhörspiele, Tacheless, Unchallenged Hate sono solo alcune delle tantissime formazioni che popolano quella folta e movimentata area dell'underground teutonico ed è giusto nominare anche i By Brute Force.
Il monicker forse a molti non dirà quasi nulla ma è da una decade che i musicisti in questione si dibattono all'interno di questo mondo e nel 2012 hanno rilasciato il quarto studio album intitolato "Breakdown The Masses".
Chi si attendesse innovazioni, prestazioni ultratecniche e versioni moderne del genere potrà tranquillamente non continuare a leggere, la matrice della prestazione attinge dalle sonorità anni Novanta e non credo vi sia il bisogno di tirare neanche in ballo chi e perché ha influenzato un certo modo di far musica, giusto?
Chitarre che tranciano, batteria dal suono a "scatoletta" con annessa esecuzione mitragliata, non potevate mica pretendere che i ritmi fossero blandi, qui si cammina sempre sul filo del rasoio, i momenti di "pausa" nei brani, ovviamente tutti di durata contenuta, servono solo a far sì che si possa respirare prima dell'ennesimo affondo in velocità. In parole povere l'album è ciò che ti attendi da una band che suona Grind, niente ghirigori o composizioni articolate, tanta pressione e muscolarità con un paio di tracce che per un motivo o l'altro si lasciano ascoltare con maggiore frequenza.
Vuoi per le citazione cinematografiche racchiuse in capitoli come "Bastard Against The Brotherhood" e in "Separate Treatments" che anticipano due mazzate orchestrate decisamente bene, con la seconda che rivela un lavoro di basso interessante, vuoi per il groove contenuto nella traccia posta in apertura "High Tide Neighborhood" o la semplicità con la quale triturano pezzi tipo "Innocente Or Guilty" e "Inhuman Training 2012" (la versione originale è inserita nella tracklist di "With Intent To Destroy" il disco antecedente), i By Brute Force se la cavano arrivando in fondo senza troppi problemi.
Non vi sono delle vere e proprie note di demerito da affiancare a "Break Down The Masses", strumentalmente e in quanto a produzione c'è poco da obbiettare, con tutta probabilità però si sarebbe potuto almeno provare a garantire al songwriting una serie di scelte stilistiche un minimo più ampia, alle volte il ripetersi di alcuni schemi sembra irretire la rabbia genuina del platter, d'altro canto è palese che i tedeschi suonino "di pancia" e non riesco a ritenerlo un vero e proprio difetto.
Death/Grind, zero paranoie e una concentrazione dovuta di frenesia in musica? Lasciate perdere le novità e godetevi una randellata pura e semplice com'è "Breakdown The Masses", ogni tanto fa veramente bene.