Informazioni
Gruppo: Joyless Jokers
Anno: 2010
Etichetta: Autoprodotto
Contatti: www.myspace.com/joylessjokers - www.joylessjokers.com/
Autore: Akh.

Tracklist
1. Black Light
2. Chapter To Forgive
3. Arms Of Darkness
4. Back To Ashes
5. Shame

DURATA: 22:00

JOYLESS JOKERS - Arms Of Darkness Dopo alcuni anni dalla loro formazione ecco giungere all'esordio con questo "Arms Of Darkness" i vicentini Joyless Jokers.
Già il prodotto che mi è arrivato è di alta qualità, avendo oltre al cd inserito una scatola/contenitore, una spilla e un adesivo del tutto personalizzato, ma la cosa buona è il materiale ivi contenuto, cinque brani di MDM di alta fattura e veramente ben prodotto.
La componente melodica non nasconde minimamente la voglia dei J.J. di prender a badilate l'ascoltatore e questo a mio avviso è la loro arma vincente rispetto al restante panorama del Melodic Death in quanto molto spesso il lato più estremo di questo genere viene dimenticato se non addirittura evitato, perciò ecco che mi gusto appieno tutta l'energia di una "Black Light" o della seguente "Chapter To Forgive" che strizzano gli occhi ai maestri del genere, ma donandogli una potenza e violenza di tutto rispetto andando a sfiorare quasi lidi pienamente Death Metal.

Ovviamente certe metriche e certi giri si adagiano ad echi di memoria In Flames, ma la robustezza sia della produzione che certe chiusure più spigolose fanno scuotere la testa/headbanging e gia immagino la voglia del combo vicentino di riversare tutta la loro esplosività in sede live dove credo che questi brani possano eccellere; buona anche la prestazione vocale che generalmente adotta una timbrica più bassa rispetto al genere in questione aumentando la carica e l'aggressivita' dei vari pezzi.

Ottima la prestazione di tutta la band, che risulta compatta e coesa mettendo la tecnica al servizio dei vari pezzi; l'utilizzo della tastiera non snatura la struttura dei pezzi, anzi spesso venendo utilizzata in sede solista con buoni risultati e molto spesso donando arrangiamenti moderni ma senza divenire melensa, strizzando l'occhio a certi Amorphis epoca "Tales Of Thousand Lakes", mentre le chitarre vengono maggiormente ispirate da certe soluzioni più classicheggiantemente HM.
"Back To Ashes" parte più canonicamente virando su soluzioni più aspre man mano che ci si spinge avanti risultando assai convincente.
Chiude una "Shame" molto cacthy e che si riavvicina a certe cose più in linea con gli ultimi lavori in campo MDM.

In definitiva un validissimo inizio per un gruppo che crede giustamente in quel che fa e lo dimostra serrando i denti e sfoderando una validissima prestazione, menando e prendendo a calci in culo il piu' possibile, regalandoci una inaspettata prova di forza!

Sicuramente una band da sostenere e come dicono loro:
"Cd is almost ready!!! We are fuckin' ready to kick your asss!!!!!"