Gruppo: Crucified Mortals
Titolo:  Crucified Mortals
Anno: 2011
Provenienza:  Stati Uniti
Etichetta: Hell's Headbangers Records
Contatti:

Sito web

 
TRACKLIST
  1. The Seance
  2. Sordid Treachery
  3. Hidden Tomb
  4. Resurrected Fiend
  5. Figure In Black
  6. Desecrating The Dead
  7. Perpetrator
  8. Ghastly Affliction
  9. Fatal Scheme
  10. Masked Murder
  11. Doom
DURATA: 37:21
 

Cambiano i tempi in meglio o in peggio? Buona domanda. Prima tutto era migliore, infatti, circolavamo con il calesse e non con l'auto! Anni addietro i gruppi si prodigavano a cercare il proprio stile. Chiaro, quando arrivarono i Morbid Angel, molte formazioni tentarono accanitamente di copiarli. Quella fu pure una moda. Oggi com'é la situazione?

Il mitico Nathan T. Birk mi inviò il materiale promozionale di un gruppo a me totalmente sconosciuto: Crucified Mortals. Il foglio informativo li piazza nell'angolo di formazioni come i Rigor Mortis texani o Carnivore. La discussione concernente lo stile del gruppo é già terminata qui. Per coloro che fossero più lenti di comprendonio o che non conoscessero i gruppi di paragone, fatto per me incomprensibile, parliamo di old skull puro al cento per cento.

Tornando dal mio trasloco, in treno, mi accomodo, accendo il mio Ipod e scelgo il disco qui discusso. Dopo un'introduzione tranquilla, i pezzi sembrano spaccare senza sosta. Questo é thrash tirato, divertente, con veli death e senza compromessi, perfetto! Proprio questa perfezione mi disturba. Le canzoni sono ben suonate, i riff spesso invitano a scuotere la testa senza pausa o a formare un pozzo distruttivo e allucinante.

Ho trovato cosa mi disturba al tutto: i pezzi sembrano, sottolineo sembrano, troppo perfetti. Chiaro, il divertimento é garantito ma, e ora ci siamo, la musica si muove nella zona dei primi due lavori dei Sadus, con un'aggiunta di Legion Of The Damned e un tocco di Slayer. Perché reclama ticino1 allora?! É molto semplice da spiegare. Le tracce sembrano un costume d'Arlecchino fatto con pezze di diverse altre band. Mi permetto il paragone vista l'imminenza del Carnevale. Ripeto: alcune scale sono da paura e assolutamente degne di un inchino. Dopo la mezz'oretta di ascolto mi sono trovato con l'Ipod in mano a cercare un altro gruppo da ascoltare. I Crucified Mortals mostrano per il momento purtroppo poco interesse a sviluppare una propria identità e si limitano a offrire quello che qualunque DJ (ammetto che però con non sono tutti uguali) in una discoteca potrebbe dare: un passatempo e nient'altro.

Chi di voi fosse un fanatico di musica come il sottoscritto utilizzerà questo disco solo per una festa o godrà la mischia al concerto, ammesso che il gruppo sia capace di fornire uno spettacolo in uno stile degno della vecchia scuola. Le mie orecchie dicono che si tratta di un puro prodotto in linea con i bisogni del mercato odierno, assetato di materiale old skull.

Trovate voi stessi la risposta alla domanda posta all'inizio.