Gruppo: Vanhelga
Titolo:  Enslaved By God
Anno: 2009
Provenienza:  Svezia
Etichetta: Death To Music Productions
Contatti: Facebook  Soundcloud  Youtube  Bandcamp  Reverbnation
 
TRACKLIST
  1. Demiurgic Tyranny
  2. Breaking The Chains Of Creation
  3. Tomrum
  4. Death, Heal Me
DURATA: 14:30
 

Vanhelga è un solo-project nato per diffondere il messaggio di Satana sugli uomini, come una peste febbricitante che ha come scopo di distruggere il demiurgo e la sua lurida creazione denominata cosmo. È così che mi presenta/rappresenta la sua musica l’artista svedese.

La sua creatura attiva dal duemilatre dopo un paio di cambi di monicker e qualche intoppo che ne ha rimandato l’uscita del primo disco (che gli auguro a breve), ha trovato nella Death To Music Productions la possibilità di veder riprodotto questo suo primo demo "Enslaved By God" costituito da quattro brani e diviso in due movimenti ben delineati.

Il primo composto da "Demiurgic Tiranny" e "Breaking The Chains Of Creation" dove la parte più cruda e ferale si unisce a passaggi più ampi, nella seconda invece è proprio la parte più personale intimista che prende il sopravvento con aperture costernanti e malinconiche dilanianti che fanno spiccare "Torum" e la conclusiva strumentale "Death, Heal Me".

Un demo vomitante odio che incentra le sue liriche sul malsano vivere ammanettati alla demiurgica presenza che ha come unico merito quello di rendere l’esistenza sempre più vuota ed inutile racchiusa in degli schemi prefissati. Per quanto riguarda il suono, la produzione sporca rende quell’idea di fine ribellione che vuol sprigionare e la voce filtrata di Vanhelga risulta essere alquanto maligna, le composizioni volutamente lineari sono l’esatta risultante del messaggio che l’artista vuol far pervenire a chi ascolta lasciando che si ci possa concentrare in maniera più forte e dedita entrando in empatia con il demo.
 
Chi è ancora legato al classico black metal nella sua forma più intimista dia una possibilità, sono sicuro che questi quattro brani che lo costituiscono sapranno ricompensarlo a dovere.