Gruppo: Hogjaw
Titolo: If It Ain't Broke
Anno: 2013
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: Swampjawbeamusic
Contatti: Sito web  Facebook  Reverbnation
 
TRACKLIST
  1. One More Little One
  2. Built My Prize
  3. Am I Wrong?
  4. Shiny Brass
  5. Cold Dead Fingers
  6. The Wolf Part I
  7. The Wolf Part II
  8. Devil's Eyes
  9. '83
  10. Beer Guzzlin' Merican
DURATA: 49:46
 

Nel 2010 una delle più belle scoperte fatte dal sottoscritto furono gli statunitensi Hogjaw, di cui recensii il secondo disco "Ironwood". Breve divagazione: dedico un vaffanculo alle poste di tutto il mondo, dato che il loro terzo lavoro "Sons Of The Western Skies" è stato misteriosamente ingurgitato e quest'ultimo "If It Ain't Broke" è giunto fra le mie mani dopo ben tre mesi dalla spedizione. Adesso posso tornare a scrivere di musica.

Non sarò super partes parlandovi di questi musicisti, per il semplice motivo che li ritengo una delle migliori formazioni al momento in circolazione per ciò che riguarda l'ambito rock-southern: dopo aver avuto modo di ascoltare il quarto capitolo "If It Aint' Broke" — e ringraziato ancora una volta il batterista Kwall per la disponibilità mostrata nei miei confronti — lo confermo.

Gli Hogjaw sono una band matura che sa divertirsi, non rinunciando al lato profondo, raccolto e classico delle creature provenienti dal sud degli Stati Uniti: l'album mette in mostra tutte le sfaccettature in possesso del quartetto di rocker, sfoggiando brani scintillanti e scatenati come "One More Little One", "Am I Wrong?", "Cold Dead Fingers", "Devil's Eyes" e "Beer Guzzlin' Merican", altri robusti e decisi come "Built My Prize" o le atmosfere affascinanti dai toni più grigi di "Shiny Brass" e dal gusto silvestre nella doppia immersione denominata "The Wolf" (nella seconda sezione, quella strumentale, si può distintamente percepire la presenza di una vena psichedelica a far da contorno), mentre "83" detiene il ruolo in scaletta di rappresentante modello del suono southern.

"If It Ain't Broke" è la prova del nove, il segnale che senza ombra di dubbio attesta che la proposta degli Hogjaw è stata sviluppata in modo tale da rispettare tutti i crismi del mondo al quale appartiene, invitando l'ascoltatore a prendervi parte. Per quanto mi riguarda, fate conto sia già lì, questo free-pass non me lo lascio proprio scappare.