Gruppo: Stortregn
Titolo: Evocation Of Light
Anno: 2013
Provenienza: Svizzera
Etichetta: Great Dane Records
Contatti: Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp  Reverbnation  Last.fm  
 
TRACKLIST
  1. Inner Black Flame
  2. Epitaph - An Evocation Of Light
  3. Between Shadows And Souls
  4. Negative Theology
  5. Moonshade
  6. A Mournful Saraband
  7. So Much Dust...
  8. Thoroughfares
  9. The Call
DURATA: 40:30
 

Avevamo incrociato gli svizzeri Stortregn nel 2011, anno che li vide debuttare con "Uncreation". Da allora è trascorso un biennio, nel quale gli Elvetici hanno consolidato il rapporto con l'etichetta francese Great Dane Records, che li supporta anche nella loro seconda uscita intitolata "Evocation Of Light".

Il quartetto di Ginevra, pur dimostrando di avere affinato il proprio stile, risulta essere sin troppo legato ai maestri che furono. L'imponente e insormontabile figura di Jon Nödtveidt e dei suoi Dissection la fa da padrone, non solo influenzandoli ma divenendo in pratica la base portante del disco, completata da realtà quali Naglfar e Necrophobic. Sono questi i nomi (seppur qualche altro gruppo svedese potrebbe essere inserito in lista) a originare una prestazione che per melodie, impostazione ritmica e atmosfere ci riconduce in maniera inequivocabile al periodo anni Novanta.

Se da un lato è evidente che l'effetto cover band, simile a quello provocato dai due lavori dei tedeschi Thulcandra, smorza abbastanza l'entusiasmo nei confronti di una prova formalmente ineccepibile, dall'altro, tenendo conto della pochezza che ammanta inesorabilmente questo stile da anni, risulta gradevole il contatto con brani che non si discostano di una virgola da quanto espresso in passato dai numi tutelari del genere, e che riescono comunque a farsi ascoltare senza troppi problemi.

Non starò qui ad allungarvi il brodo, suggerendovi un pezzo piuttosto che un altro: gli Stortregn mirano nuovamente a un target preciso con "Evocation Of Light". Se rientrate nella cerchia di appassionati con una forte inclinazione a favore delle melodie scandinave, allora questo disco di certo non dovrebbe dispiacervi. I restanti invece passino pure oltre.