Gruppo: The Last 3 Lines
Titolo:  New Songs For Old Rites
Anno: 2013
Provenienza: Spagna
Etichetta: Aloud Music
Contatti: Facebook  Bandcamp
 
TRACKLIST
  1. Light Under Skin
  2. Undisclosed Paths
  3. Colorblind
  4. Home
  5. Ghost In Disguise
DURATA: 23:35
 

Il 2013 è stato un anno prolifico per gli spagnoli The Last 3 Lines. Dopo l'operazione acustica di "Leafless" (recensita sempre dal sottoscritto), ha visto la luce anche "New Songs For Old Rites": un ep contenente cinque pezzi che fanno pervenire al nostro udito un'altra parte della natura multiforme della compagine basca, in particolare quella maggiormente incline a favorire gli aspetti psichedelici e folcloristici.

La sensibilità racchiusa nella prestazione precedente è totalmente riscontrabile anche in questo episodio discografico. Stavolta tuttavia, dopo aver incrociato l'iniziale carezza angelica di "Light Under The Skin", con la successiva "Undisclosed Paths" ci viene raccontata una storia differente, fatta di pulsioni vibranti, in cui appare anche la componente elettrizzata con le chitarre di Sergio Pardo, Dani Gil e del cantante Xavi Bartrina, che modificano più volte in corso il loro approccio e si stagliano in solismi incantevoli e delicati accompagnamenti al pari di una scossa che rilascia una piacevole sensazione di relax dopo aver eccitato il corpo. Il terzo brano, "Colorblind", è animosamente voluttuoso con quel suo accendersi costante; "Home" è alimentata invece da un movimento ciclico, melodico ed evocativo dalle cadenze talvolta tribali, una canzone nella quale un pizzico, e più, del mondo Led Zeppelin è percettibile; "Ghost In Disguise" ci avvolge poi con un'ondata di sonorità space che chiude questa cerimonia in note, regalandoci in parte panorami elaborati in maniera differente rispetto a ciò che l'ha anteceduta, ma dimostrando di possedere un'egual dose di fascino.

"New Songs For Old Rites" è rivolto a chiunque adori gli anni Settanta, l'emotività di certo grunge e la visuale allucinata psichedelica e space, è un ulteriore passo in avanti che mi auguro condurrà i The Last 3 Lines alla realizzazione di un grande album. Dopo aver ascoltato e riascoltato questo mini, attendo con particolare fiducia l'uscita di un disco di durata decisamente più corposa per ricevere la definitiva riprova sulle doti di una band che potrebbe, e dovrebbe, attirare una più adeguata attenzione dagli appassionati del settore. Sinora i I The Last 3 Lines non ne hanno sbagliata una.