Gruppo: Necrambulant
Titolo:  Infernal Infectious Necro-Ambulatory Pandemic
Anno: 2013
Provenienza:  U.S.A.
Etichetta: Lacerated Enemy Records
Contatti:

 Facebook

 
TRACKLIST
  1. Epoch Of Nihilisitc Cosmic Failure
  2. Dysmorphic Evisceration Of Avulsed Souls By The Baleful Spawn Of The Primeval Protogenoi
  3. Rise Of The Necrambulants
  4. Strategic Dismemberment Of Anomalous Reanimated Flesh
  5. Infernal Infectious Necro-Ambulatory Pandemic
  6. Self Biological Carnivorous Cannibalism
  7. Internal Necrotic Bacteria Putrefaction
  8. Mass Extirpation Of Infantile Homo Sapiens
DURATA: 31:16
 

Siamo alle solite: quando si tratta di recensire un album brutal non so mai come riempire l'articolo. Senza tante digressioni, fondamentalmente il più grande pregio e al contempo il più grande limite dei Necrambulant è quello di fare brutal. Mezz'ora di riff mastodontici (spesso in insospettabile downtempo), tupatupa, rutti e zombie smaniosi di succhiarvi il cervello e saltare la corda con il vostro canale intestinale.

Nonostante per il nome Necrambulant l'album in oggetto sia il debutto assoluto, i musicisti coinvolti non sono di primo pelo, anzi hanno tutti vissuto esperienze più o meno rilevanti nell'underground death metal dell'assolata Arizona (dai Fanapth ai forse più conosciuti Fall Of Empyrean), ergo il disco possiede tutti i crismi del genere e spinge dove deve spingere, così come rallenta dove deve rallentare. Posto che l'elemento di personalità dei Nostri è quello di fare largo uso di down e mid-tempo, non riesco a trovare altro da dire su "Infernal Infectious Necro-Ambulatory Pandemic".

Se vi piace il brutal lo adorerete (o quantomeno lo apprezzerete molto), se non vi piace vi scivolerà addosso come acqua fresca. In ogni caso, a Phoenix, AZ, si è sviluppato un nuovo focolaio di contagio.