Gruppo: Astarium / Status
Titolo:  Siberian Bloodlust
Anno: 2013
Provenienza: Russia
Etichetta: Le Crépuscule Du Soir Productions
Contatti:

Sito web  Facebook  Myspace

 
TRACKLIST
  1. Astarium - Creeping
  2. Status - Fire Clears
DURATA: 09:51
 

Al terzo appuntamento col progetto black metal russo Astarium (e vi anticipo che non sarà l'ultimo), ci tengo vivamente a ringraziare SiN per avermi inviato dalla lontana Novosibirsk una così grande quantità di materiale promozionale: non è da tutti mettersi in gioco in maniera tanto aperta, specie essendo così lontani nello spazio. Detto questo, dopo l'album "Atenvx" e il demo di cover "Heritage Of Warlords", ecco che vi presento uno split di due tracce.

"Siberian Bloodlust" parte con "Creeping", registrato dagli Astarium nel settembre del 2012, una nuova versione di "Which Is Creeping From The Gloom", dal disco d'esordio "On The Edge Of Chasm" del 2008. La proposta è sempre un black metal sinfonico molto veloce, dove però il suono estremamente sintetico della drum machine, quasi da gruppo war metal nelle sezioni più furiose, comporta la perdita dell'atmosfera precedentemente generata. Rispetto all'album esaminato in precedenza (composto successivamente) si nota uno stile più immaturo e semplice, con uno screaming sempre carente per quanto riguarda l'incisività. In sostanza Astarium ha compiuto dei passi avanti nel corso del tempo, sia a livello di suoni che compositivi.

A fare compagnia a SiN c'è il terzetto russo degli Status (in cirillico Статус) con il brano "Fire Clears", anch'esso del 2012. Pur avendo a che fare con sonorità sempre grezze, la produzione del brano è nettamente più "avvolgente" e cupa, grazie alla enfatizzazione delle frequenze più basse. Lo stile sonoro è un black-thrash che nelle parti più veloci ricorda i Darkthrone di "Transilvanian Hunger", con uno screaming acido incalzante e cori marziali nei rallentamenti.

La versione dello split edita da Le Crépuscule Du Soir Productions è un cdr stampato in formato 7" limitato a duecento copie, una realizzazione molto interessante (che non avevo mai visto prima) e che consente l'utilizzo di un'immagine di copertina ampia e dettagliata.

Per struttura dell'uscita, fama dei gruppi e numero di esemplari, "Siberian Bloodlust" è sicuramente un prodotto per pochi intimi.