Gruppo: Au-Dessus
Titolo: Au-Dessus
Anno: 2015
Provenienza: Lituania
Etichetta: Witching Hour Productions
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Youtube

 
TRACKLIST
  1. I
  2. II
  3. III
  4. IV
  5. V
DURATA: 30:48
 

Il quartetto proveniente da Vilnius (capitale della Lituania) degli Au-Dessus è stato un bella sorpresa per il sottoscritto. Il gruppo si avvale di un nome in francese — il cui significato è sopra — sia per ciò che riguarda la propria identità come band che per il titolo del primo lavoro in studio, ma la Francia sembra non essere presente esclusivamente in tale aspetto. È infatti evidente quanto la scena estrema transalpina, divenuta bastarda nell'ultima decade, sia una delle influenze sonore portanti dei cinque capitoli che vanno a comporre la scaletta.

La proposta della formazione è ciò che potremmo definire post-black metal, poiché possiede ben poco della matrice vecchia scuola, tanto che il muro di suono creato dalle chitarre in alcune occasioni rimembra i Deathspell Omega, mentre il gusto melodico-atmosferico in più circostanze è ricollegabile alla scena Cascadian black metal. Si potrebbe quindi parlare di "Au-Dessus" come di un lavoro il cui animo è nero, ma solidamente hardcore nello sviluppo.

Nella prestazione dei Lituani si combinano tratti ruggenti e decadenti, tuttavia rimanendo costantemente schietta, ruvida, scevra di fronzoli e decisamente terrena, al punto che per più versi è riconducibile a ciò che gli ormai collaudati Celeste sono stati abilmente in grado di farci ascoltare nel corso dei loro dieci anni di carriera. È una prova che non si lascia dominare dal proprio lato più oscuro, mostrandosi capace di far apparire al proprio interno veri e propri lampi di luce. Le canzoni che riescono a focalizzare al meglio tale binomio di apparente contrasto sono l'epica "IV" e "V", dal finale a dir poco travolgente.

Gli Au-Dessus dimostrano di avere già a disposizione un parco idee ben delineato e oltretutto si sa che chi ben comincia è a metà dell'opera. Per gli appassionati di tali sonorità ibride non può che essere una bella notizia avere una realtà in più da tenere d'occhio e che sul lungo termine potrebbero dare — e ovviamente togliersi a titolo personale — parecchie soddisfazioni. Attendendo che ciò accada, vi suggerisco di iniziare facendo vostra una copia di questo lavoro.