Gruppo: Frozen Ocean
Titolo: A Perfect Solitude
Anno: 2012
Provenienza: Russia
Etichetta: Wolfsgrimm Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Soundcloud  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. Broken Window
  2. Somewhere Clouds Debark
  3. A Sunflower On The Prison Backyard
  4. Mare Imbrium
  5. Camomiles
  6. Unavailing Steps On Perpetual
  7. Cleavage And Emission
DURATA: 43:01
 

Venti uscite in dieci anni, questo il bottino di Frozen Ocean, al secolo Vaarwel, moscovita che sicuramente non soffre di blocchi creativi. La particolarità più evidente di questa prolifica one man band è certamente l'agilità con cui spazia da un genere all'altro: ha registrato dischi raw black metal ("Likegyldid Raseri" su Suffering Jesus Productions nel 2011), post-rock ("The Dyson Swarm" per Kristallblut Records nel 2014) e di recente perfino una sorta di colonna sonora elettronica da cameretta ("Prills Of Remembrance", autoproduzione digitale di inizio 2015).

"A Perfect Solitude", quinto album del progetto, ammesso e non concesso che questo dato significhi alcunché, è un ripescaggio del 2012 uscito in digipak per la tedesca Wolfsgrimm Records ed è un disco a metà tra il black metal atmosferico e il drone di scuola Angelic Process, pesantemente infarcito di contaminazioni ambient. Nel merito, il lavoro è piacevole, Vaarwel è in grado di comporre linee melodiche accattivanti e dalla discreta personalità, ma soffre di qualche lungaggine di troppo. Soprattutto nella prima metà, "A Sunflower On The Prison Backyard" e "Mare Imbrium" vivono di eccessiva ingenuità, e se è vero che tanto il black atmosferico quanto il drone si basano espressamente su brani lunghi e tempi dilatati, specialmente se mescolati all'ambient, minuti e minuti dello stesso arpeggio nel primo caso e dello stesso effetto nel secondo non sono la carta vincente per fare presa su chi ascolta. Allo stesso modo i tre minuti di "Camomiles" contenenti poco più di un (unico) riverbero lasciano il tempo che trovano, mentre lo stacco con la successiva "Unavailing Steps On Perpetual" (uno dei solo due brani cantati dell'album) risulta netto e disorganico.

Forse in qualcun'altra delle sue espressioni artistiche Vaarwel è riuscito a essere più coeso e concreto, purtroppo "A Perfect Solitude" mette in luce tanto i buoni spunti e le capacità compositive quanto una confusionaria gestione delle stesse e una eccessiva autoindulgenza che ne va a minare l'incisività.

Nota a margine: come tutto il repertorio di Frozen Ocean, anche "A Perfect Solitude" è scaricabile tramite la pagina Bandcamp dell'artista a offerta libera (quindi anche gratuitamente).