Gruppo: Fornace
Titolo: My Journey Is Ending But The Torment Will Be Eternal
Anno: 2015
Provenienza: Italia
Etichetta: Paragon Records
Contatti:

non disponibili

 
TRACKLIST
  1. My Journey Is Ending But The Torment Will Be Eternal
  2. From The Darkest Meanders Of Our Thoughts
  3. Il Risveglio Atavico
  4. In The Land Of Tombs Where The Shadows Lie
  5. Passi Solitari, Sentieri Inesplorati, Orme Da Seguire
  6. Warriors In The Dark
DURATA: 51:27
 

Troppi cuochi rovinano il brodo?

Gruppi come i piemontesi Fornace rendono il sottosuolo davvero interessante con le loro apparizioni sporadiche e le poche informazioni disponibili in rete. Ieri non sapevi neppure se esistessero ancora e oggi ti presentano il nuovo disco. Che cosa è successo dall'uscita di "Pregnant Is The Night"? Beh, la voce di Morrigan non si sente più e ai remi sono rimasti Possessed e Mastiff che vogano a più non posso. Dagon, mente degli Inquisition, ha raccontato in una delle sue interviste più recenti come la soluzione del duo si fosse rivelata vincente, per cui l'onerosa ricerca di altri musicisti era diventata superflua.

"My Journey Is Ending But The Torment Will Be Eternal" mostra dal primo minuto la sua evoluzione, attanagliando l'ascoltatore con un tocco melanconico, ma soprattutto con la gamma di ritmi e atmosfere scelte per caratterizzare le composizioni. La velocità della Svezia e le nere colate resinose in stile ellenico ci sono ancora, coperte da maestosità come quella espressa dal viso di un condottiero che pensa ai tanti valorosi caduti combattendo la vittoriosa battaglia. Nell'insieme i Fornace hanno creato un lavoro intenso e molto mediterraneo, all'altezza di quotate produzioni greche.

I repentini cambiamenti di ritmo con imprevedibili scale a più voci, le inaspettate melodie di pura melanconia, la batteria originalmente intuitiva di Paolo Mingoni (musicista turnista) e l'aggiunta di finezze sonore incrementano il godimento, evidenziando il nuovo coraggio compositivo della formazione. Seduti davanti allo stereo, ascoltando "My Journey Is Ending But The Torment Will Be Eternal", scoprirete ogni volta altri tocchi passatisti e godrete sentendo le idee personali intrecciate da Possessed e Mastiff nelle trame.

Il libretto contiene immagini con corti commenti a piè di pagina che invitano l'osservatore a meditare sul bene e sul male.

Particolarmente di rilievo sono le canzoni in lingua italiana. Chissà se i Fornace si decideranno a utilizzare solo l'idioma dantesco o addirittura a passare al dialetto locale? "My Journey Is Ending But The Torment Will Be Eternal" è una gradevole sorpresa come lo è stato apprenderne l'uscita. La costellazione Possessed-Mastiff in veste di duo sembra stimolare le muse e giova alla qualità.

Sì, troppi cuochi rovinavano il brodo.