Gruppo: Lerin / Hystad
Titolo: Mount Buzhou / Amaterasu
Anno: 2014 / 2015
Provenienza: Svezia / Norvegia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST "MOUNT BUZHOU"
  1. Jiefangbei
  2. Daguan
  3. Huang Jue Ping
  4. Yangjiaping
  5. Cui Hu Park
  6. Jialong Lu
DURATA: 39:16
 
TRACKLIST "AMATERASU"
  1. Shibuya
  2. Harajuku
  3. Shinjuku
  4. Kabukicho
  5. Ueno
  6. Roppongi
  7. Ebisu
  8. Akihabara
  9. Nippori
DURATA: 43:53
 

Quale che fosse il mezzo, il viaggio è sempre stato un topos centrale nella ricerca e nell'espressione artistica dell'uomo. Simon Torssel Lerin e Bettina Hvidevold Hystad — lui svedese, lei norvegese, entrambi ricercatori, entrambi artisti — hanno deciso che proprio il viaggio è il filo conduttore del loro percorso (non solo) musicale, almeno per ciò che riguarda i due primi album creati insieme. Attivi dal 2010 come duo, ma singolarmente partecipi della scena sperimentale internazionale da ormai un decennio (come chiariscono i link poco sopra), Lerin e Hystad vantano installazioni, video, sperimentazioni sonore e mostre sparse un po' per tutto il globo; "Mount Buzhou" e "Amaterasu" sono i primi due album partoriti da questo quantomai poliedrico e indefinibile duo.

La musica è variegata, incontenibile e imprevedibile: una malta post-rock su cui si innestano effetti glitch, riverberi e storpiature al limite dell'industriale, ma anche e soprattutto field recording raccolti durante i pellegrinaggi di Simon e Bettina. "Mount Buzhou" è il reportage sonoro di un viaggio del 2010 nel cuore della Cina, nella municipalità di Chongqing e a Kunming (capoluogo dello Yunnan), mentre "Amaterasu" è figlio di un viaggio del 2013 a Tokyo e Osaka. I due lavori sono profondamente diversi quanto a contenuti e atmosfere, ma il pensiero alle spalle di essi è uniforme e ben chiaro: documentare il mondo attraverso i suoi suoni.

Dalle tinte industriali della stazione di "Yangjiaping" a quelle più melodiche e raffinate della stazione di "Nippori" (con la sua coda frizzante e velata di malinconia), dal sintetizzatore giocherellone del quartiere di "Roppongi" ai millenni di storia del parco di "Daguan", i due dischi raccontano due Paesi profondamente diversi, con un registro che si adegua perfettamente a essi. Più folkloristico, intriso di tradizione e insieme di un'urbanizzazione impietosa "Mount Buzhou", più ordinato, moderno e luccicante "Amaterasu". Eppure, nell'omogeneità di ciascun lavoro, ogni traccia ha una sua personalità, racconta un diverso aspetto del Paese e della città cui è dedicata, sia un quartiere, un parco o una stazione: vite che scorrono, storie che si intrecciano, usanze che si mischiano alla sensibilità dei due autori, bravissimi nel filtrare e ri-declinare un'esperienza così ricca. Scopritene ogni attimo, ogni nota, ogni vicolo e divertitevi a dare un'immagine a ciascun brano.

Una sorpresa meravigliosa, i diari di viaggio di Simon Lerin e Bettina Hystad, appunti di cultura ed esperimenti musicali che diventano un tutt'uno in modo naturale e imprevedibile. Chissà quale sarà la loro prossima meta.