Gruppo: Steel Flowers
Titolo: Kleptocracy
Anno: 2015
Provenienza: Italia
Etichetta: Red Cat Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Soundcloud  Youtube  Reverbnation

 
TRACKLIST
  1. Oxymoron 4991
  2. Pauper
  3. I'll Kick Your Ass
  4. Hallways Of Illusion
  5. Break My Blues
  6. Tired & Bored
  7. Ruled By Evil Men
  8. Workin'Monkey
  9. R.I.P.
  10. Tank Man
DURATA: 44:39
 

A distanza di sei anni dalla pubblicazione di "12 Tales From The Life Of Mr Someone", i milanesi Steel Flowers si rifanno vivi con l'uscita del secondo lavoro "Kleptocracy". La band ha mutato pelle e ora possiede un approccio sonoro più moderno, camaleontico e vario, facendo registrare lo sviluppo di un'anima crossover-alternative che va ad arricchirsi di sfumature hard-rock e street; componenti queste ultime che in passato reggevano invece le sorti del discorso musicale.

L'album è stato ben studiato, iniziando dal concept che lega le tracce, incentrato sulla pessima condizione umana odierna, sulla massificazione del pensiero, sull'indottrinamento imposto dai media e sull'omologazione etico-morale che appiattisce il valore stesso della parola «umano». La scelta di affidarsi alle sonorità robotiche per introdurci all'ascolto, dando così il via alla prima traccia "Oxymoron 4991", è in tal senso azzeccata.

A causa del continuo mescolamento delle carte in tavola però, passando da momenti in cui il groove metallico e la scena alternative predominano (come accade nella canzone già citata, in "Pauper" e "R.I.P.") ad altri nei quali affiorano presenze più classicheggianti ("I'll Kick Your Ass") e influenze blues e funky ("Break My Blues" e "Tired & Bored"), il risultato ottenuto diviene purtroppo tanto dinamico quanto dispersivo, convincendo più per la fattura che per la capacità di trasportare.

La prestazione degli Steel Flowers mette in mostra un gruppo che è pronto a darsi da fare ed è in possesso di materiale valido sul quale poter lavorare per migliorarsi, non fossilizzandosi su di un'unica direzione e proseguendo nella ricerca di una propria e non inquadrata identità. "Kleptocracy" non decolla del tutto, potremmo comunque considerarlo il trampolino di lancio per ciò che di buono in futuro saranno in grado di regalarci. Formazione da tenere d'occhio.