Gruppo: Black Kirin (黒麒)
Titolo: National Trauma (哀郢)
Anno: 2015
Provenienza: Cina
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Sito web  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. 黄河
  2. 启衅
  3. 投名状
  4. 苍穹血
  5. 女恨
  6. 墨戈
  7. 世仇
  8. 无双
  9. 彼岸
DURATA: 61:21
 

Dalla comparsa dei Tengger Cavalry e dei Nine Treasures nei piatti occidentali, la Cina è terra cognita sulle carte del metallo folclorico. Chi si fosse sentito a suo agio con la cavalleria mongola apprezzerà la variante basata sull'opera cinese proposta dai Black Kirin. Per i curiosi: il Kirin (麒麟) è un essere mitologico simbolo di fortuna, simile al nostro unicorno. Il gruppo di Changchun, nel nord-est del paese asiatico, è attivo dal 2013 (o dal 2012 a seconda delle fonti), ha già sfornato alcuni EP e singoli, ma è sconosciuto alle nostre latitudini.

Elementi occidentali come massicce e rustiche chitarre Death Metal o ritmi duri e martellanti li conosciamo tutti noi; aggiungiamo le tastiere per esagerare. Perché non combinarli con emozionanti strumenti orientali e l'arte di una voce femminile tradizionale cinese (curiosamente cantata dalla giapponese Kaori)? L'amalgama sembrerebbe molto osé, tuttavia i Black Kirin rendono appetibile l'ovest all'est — o viceversa, in base ai punti di vista — in maniera disinvolta. Alcune linee vocali ricordano le colonne sonore di film cinesi recenti giunti anche in Europa e sono un buon mezzo per creare un ponte fra le culture. Le melodie cangianti accarezzano l'ascoltatore e sono lungi dall'essere plastiche o artificiali. Alcuni inserti teatrali raccontano all'orecchio incapace di capire le frasi in una lingua esotica una storia drammatica e — speriamo — a lieto fine. Chi esigesse punti di orientamento stilistico li troverà in gruppi come i citati Tengger Cavalry o i Bal-Sagoth e scoprirà anche tocchi di icone come gli Iron Maiden.

Un'ora di metallo battuto e piegato più volte come l'Acciaio Damasco per integrare in modo armonico le sonorità locali nelle strutture occidentali più rigide: "National Trauma" combina tradizione e modernità, forse rispecchiando il modo di pensare di un Paese in continua e veloce evoluzione.