Gruppo: Hatevomit
Titolo: Necrövömit
Anno: 2015
Provenienza: Messico / Turchia
Etichetta: Satanath Records
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. Necröpervertör
  2. Howling Rapture Of Mighty Death
  3. Malignance Of Torturer
  4. Total Contamination
  5. Inhuman Lust
  6. I.T.K. (Inject The Khaos)
DURATA: 25:59
 

Satana accoglie nelle fiamme i peccatori e avvicina i continenti con la sua forza malvagia. Messico e Turchia sono i gironi dell'Inferno da cui sorgono i tre membri del progetto Hatevomit. Se la quantità di chiese e moschee bruciate da questa triade ci è sconosciuta, sappiamo che dalla sua apparizione nel 2009 ha forgiato alcuni prototipi d'armi sotto forma di due split e un demo, prima di giungere all'EP discusso qui.

Il «Vömit Metal» del gruppo — che così definisce il proprio stile — è gravido di rozzume ed è un tipico esempio di passatismo, un'ode a un primitivo minimalismo. Durante l'ascolto viene spontaneo pensare a formazioni come Hellhammer, Beherit, Profanatica, Black Witchery o Napalm Death dell'era "Scum". Death metal più nero della pece e conservatore fino al midollo, ispirato dall'estremismo targato inizio Ottanta: se è questo che cercate, gli Hatevomit ve lo servono rovente da fucina.

"Necrövömit" è lungi dall'essere la sensazione dell'anno. Per alcuni sarà uno dei tanti dischi Black-Death, o «Bestial Black Metal» se preferite, ma concentra in quei venticinque minuti gli elementi e i cliché necessari a divertire.