Gruppo: Skullthrone
Titolo: Biomechanical Messiah
Anno: 2015
Provenienza: Colombia
Etichetta: Satanath Records
Contatti:

Facebook  Reverbnation  Myspace

 
TRACKLIST
  1. Imperial Satanic Artillery
  2. There's No God At All
  3. Biomechanical Messiah
  4. Hell's Oblivion
  5. Technomancer Revelation
  6. Sadism Ex Machina
  7. Antichristian Retaliation
  8. Goatlust
  9. Carnal
  10. Empire Of The Skull
DURATA: 31:39
 

Le maschere metalliche coprono mezzo viso dei musicisti e sembrano voler eliminare l'essere umano celato dietro di esse per renderlo un cyborg, rinnegandone così la creazione da mano divina. "Biomechanical Messiah" è il primo disco del quartetto Black-Death Metal colombiano degli Skullthrone, fondato nel 2010.

Il concetto biomeccanico si ritrova nello stile molto asciutto, sentirete un po' di melodia solo nella prima traccia, trasportato dalla sezione ritmica martellante. La complessa morfologia dei pezzi ricorda il Brutal Death e i suoi dettagli sono molti, casalinghi, nordamericani o addirittura mediterranei. A tratti la carne al fuoco è anche troppa e alcuni ascoltatori preferirebbero una variazione in meno nelle tracce, a favore di una struttura più nitida. La vasta scelta di scale e ritmi lascia tanto spazio alla batteria di Goatlust, innamorata della tecnica ma soprattutto dei blastbeat. Questi alla lunga annoiano e distraggono dal buon lavoro degli strumenti a corda, nonostante i passaggi più groove alleggeriscano l'insieme.

"Biomechanical Messiah" è un debutto ben prodotto, poco accessibile e particolarmente gradevole per chi consideri superflue le melodie.