Gruppo: Shadowdream
Titolo: The Sunsettler's Motel
Anno: 2016
Provenienza: Serbia
Etichetta: WormHoleDeath
Contatti:

Sito web

 
TRACKLIST
  1. Good Evening And Welcome To The Sunsettler's Motel
  2. The Sunsettler's Theme
  3. The Murder Story Part 1 - After Midnight I Heard Someone Scream In The Room No. 217
  4. The Murder Story Part 2 - The Mysterious Tenant From The 3rd Floor
  5. While The Motel Sleeps Nightmares Are Being Painted
  6. The Hour Of The Wolf, Alfa and Omega
  7. The Obsession Begins Tomorrow
  8. Good Morning And... It Starts Today...
DURATA: 40:00
 

La storia degli Shadowdream sembra essere in continua evoluzione, sia musicalmente che geograficamente: originario della Serbia, il progetto ha passato un periodo di due anni a Roma per poi spostarsi nuovamente a Stoccolma, percorrendo una strada che lo ha portato dalle radici Black Metal a uno stile più vicino al Jazz, passando per sonorità neoclassiche e mantenendo nel processo una notevole presenza Ambient, anch'essa però modificata nel tempo.

Rastko Perisic, la sola mente e unica vera costante di questa creatura, è quindi un musicista che in più di dieci anni di attività ha dimostrato il proprio valore in ambiti decisamente diversi fra loro. "The Sunsettler's Motel" ci si presenta come una colonna sonora per una sorta di film noir non realmente esistente, o almeno non in una forma visiva. Se siete stati attenti, avrete sicuramente fatto un'associazione di idee tra questo genere cinematografico e uno degli stili musicali citati in apertura e di sicuro vi sarà venuta in mente la duplice realtà dei The Kilimanjaro Darkjazz Ensemble / The Mount Fuji Doomjazz Corporation: la musica è effettivamente ispirata a un Jazz cupo e misterioso, permeato da atmosfere tipiche del Dark Ambient che in entrambe le parti di "The Murder Story" addirittura prendono il sopravvento sul resto. Il disco svolge un ottimo lavoro nel suo racconto della storia, evolvendosi a seguito degli eventi: l'introduzione dinamica con flauto e sassofono a opera del primo brano sembra voler nascondere la vera e misteriosa natura — comunque ben presente nei suoni — del motel in cui il signor Torrance si troverà a passare la notte; ma è con "The Sunsettler's Theme" che l'ambientazione inizia a mostrarsi per ciò che è realmente, tramite un giro di basso ripetuto numerose volte, accompagnato da un inquietante organo, una base ossessiva su cui chitarra e sax offrono le proprie melodie.

In "The Murder Story" si svolge l'evento che scatena il terrore, un ipotetico omicidio al terzo piano a seguito del quale il Nostro esce dalla propria stanza per inseguire l'eventuale colpevole, notando una persona di cui però non riesce a distinguere il volto; tutto ciò avviene tra suoni notturni e oscuri, dove il flauto non fa altro che enfatizzare le emozioni confuse del malcapitato. La traccia successiva fa da sfondo alle riflessioni del protagonista su quanto accaduto: le percussioni scandiscono un ritmo lento e fumoso, mentre un pianoforte nervoso pone le proprie note a far risuonare lo stato d'animo corrente; i pensieri continuano a offuscare la mente di Torrance fino all'alba rappresentata dai sintetizzatori di "The Hour Of The Wolf, Alfa And Omega" e al mattino, non trovando traccia di altre persone nel motel — tanto meno del fantomatico assassino — ci sarebbe la buona occasione per andare via: "The Obsession Begins Tomorrow", ricordando le atmosfere della seconda traccia, ci accompagna con relativa tranquillità all'uscita... O almeno dovrebbe farlo, dato che Torrence sente il rumore di una macchina e decide di seguirla. Il disco-film si chiude tra le riflessioni e la tensione espresse dal pianoforte, senza dare una risposta alle nostre domande. Chi è l'assassino? Cosa è accaduto realmente in quel motel? Ma soprattutto: che ruolo ha il protagonista in tutto questo?

Pur avendo dato solo vaghe indicazioni su ciò che succede durante la storia, Perisic ha creato un album capace di esprimere pienamente lo svolgimento della trama; un lavoro da ascoltare con la giusta attenzione che gli appassionati del lato più noir del Jazz troveranno senza dubbio interessante.