Gruppo: Hey Satan
Titolo: Hey Satan
Anno: 2017
Provenienza: Svizzera
Etichetta: Cold Smoke Records
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. Fallon City Messiah
  2. Legal Aspect Of Love
  3. Sunshine Blues
  4. In Cold Blood
  5. 1991
  6. Song For A Lost Mariner
  7. Bed Light Women
  8. Bastardizer
  9. Black Flags Down
  10. This Meat Stinks, Hone!
DURATA: 36:24
 

Sonorità classiche e moderne si incontrano nel debutto eponimo degli svizzeri Hey Satan. La formazione proveniente da Losanna ha modellato dieci pezzi all'interno dei quali influssi hard rock, blues, stoner, movenze grunge e alternative si avvicendano, impastano o convivono, offrendoci una prima prova convincente e appagante.

Ritornelli che ti si stampano in testa ("Sunshine Blues"), pezzi elementari e diretti ("Bastardizer"), chitarre taglienti e appeal radiofonico ("Fallon City Messiah"), capacità di attualizzare con gusto il suono degli anni Settanta ("Song For A Lost Mariner"), sezioni strumentali ("In Cold Blood") e groove conquistano l'ascoltatore. La scaletta è letteralmente zeppa di motivi con cui incuriosire, senza saltarne un singolo secondo.

Certamente si potrebbe discutere sulla paternità di certe soluzioni e del modo in cui altre portano a galla un numero corposo di influenze in gioco: si va da gente come Kyuss, Clutch e Truckfighters a Led Zeppelin e Blue Cheer, passando per Soundgarden, Alice In Chains e richiami che virano nelle zone di competenza dei Queens Of The Stone Age. D'altro canto il disco scorre talmente bene che il rimando, talvolta inequivocabile, è tutto fuorché fastidioso, al contrario rende ancora più palese quanto l'operato degli Elvetici — nel quale spicca l'ottima prestazione ritmica fornita dal batterista Frank — sia di più che buona fattura.

"Hey Satan" potrebbe tranquillamente ricevere un riscontro positivo da un appassionato di stoner quanto da un amante della scena di Seattle ed è comunque consigliabile, anche in qualità di possibile acquisto, a chiunque abbia a cuore il rock nelle sue varie sfaccettature. È un lavoro che una volta inserito nello stereo, in un modo o nell'altro, non dovrebbe avere troppi problemi a coinvolgervi piacevolmente. Gli Hey Satan sono pertanto da tenere d'occhio e ovviamente il metodo migliore per farlo è quello di ascoltarne la musica.