Gruppo: Insanehead
Titolo: Scream Of Anger
Anno: 2017
Provenienza: Italia
Etichetta: Time To Kill Records
Contatti:

Facebook  Youtube  Reverbnation

 
TRACKLIST
  1. Intro
  2. Necroscience
  3. Crazy Circus
  4. No Hope
  5. New Life
  6. Namárië
  7. Scream Of Anger
  8. In Agony We Trust
  9. Resistance
  10. Boogeyman 
DURATA: 43:13
 

Gli Insanehead non si pongono limiti e con tutta probabilità si divertono pure. I musicisti nostrani hanno modellato "Scream Of Anger" in modo tale da accogliere al suo interno praticamente oltre due decadi di musica metal.

La direzione intrapresa nell'album è segnata in maniera perentoria da una combinazione di base thrash e death metal che attinge a piene mani dal panorama statunitense e da quello scandinavo. Nel corso dell'ascolto vengono tuttavia a galla anche reminiscenze N.W.O.B.H.M., il groove del metalcore più spinto (nato e morto nei primi anni post 2000) e una capacità di infoltire le canzoni di melodie convincenti e mai troppo zuccherine; prendete a esempio quelle contenute in "Crazy Circus", che in un breve ma piacevole momento richiamano a sé lo spirito dell'immortale Schuldiner.

I Nostri non mollano mai la presa, furenti e indiavolati, prestanti e pestati, a volte più simili ad At The Gates e In Flames, altre a Obituary e Six Feet Under, altre ancora infilano invece la cavalcata retrò che non ti aspetti o quell'andazzo alla Neaera in grado di apportare un ulteriore tocco moderno che non dispiace. La prova viaggia costantemente su binari sicuri, collaudati e al tempo stesso irrobustiti dalla capacità di amalgamare con efficacia tali soluzioni. Viene così data forma a brani dinamici quali "Crazy Circus" e "No Hope", martellate senza freno tipo "Scream Of Anger" e "Boogeyman", concedendo pure spazio al lato atmosferico nella vagamente più cupa "In Agony We Trust".

"Scream Of Anger" è un prodotto alquanto derivativo, il cui valore però viene intaccato solo in parte da tale caratteristica, in quanto ben composto ed eseguito. Al suo interno non ritroviamo hit indimenticabili, ma una serie di canzoni che sanno come adempiere al proprio dovere, poiché dotate delle giuste armi. È il primo passo importante compiuto dagli Insanehead, band che a quanto pare ha una distinta idea di cosa sia definibile buona musica.