Gruppo: ['selvə]
Titolo: eléo
Anno: 2016
Provenienza: Italia
Etichetta: Shove Records
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. soire
  2. alma
  3. indaco
  4. nostàlgia
DURATA: 32:13
 

Una copertina molto sobria, asettica, quasi radical chic, da cui ti aspetteresti un disco di cantautorato minimale, al massimo del pop d'autore, poi infili il cd nel lettore e ti sanguinano i timpani.

Non conoscevo la band lodigiana dei ['selvə] fino a che non mi è stata piazzata in mano una copia di "eléo" da Shove Records, ma il trio è reduce da un ottimo debutto datato 2014 ("lajf həbɪtʃuəl") e con questo nuovo lavoro — che in realtà è uscito la scorsa estate, però ormai lo sapete che siamo ritardatari cronici — ispessice i suoni e si allontana leggermente dal post-hardcore-screamo per avvicinarsi ancor di più al post-metal di matrice (non solo) black. Per mettere dei paletti, una buona dose di Wolves In The Throne Room che non disdegna un po' di Cult Of Luna e mantiene sempre i piedi ben piantati nel sottobosco italiano, tanto che su "alma" l'ospite d'eccezione è nientemeno che quella splendida scheggia impazzita di Nicola Manzan.

La cosa che stupisce di "eléo", poi, è la sua velocità pressoché folle: qualche stacco ogni tanto (la seconda parte di "alma", dove troviamo Manzan, appunto) serve giusto giusto a prendere fiato, perché la carica è perenne, non c'è un momento di riposo, i quattro pezzi filano a un ritmo imbarazzantemente alto, rendendo l'animo black metal davvero predominante, pur se quasi sempre immerso in chitarrone post-hc-screamo-chiamatelo-come-vi-pare. Considerato che si tratta di una registrazione in presa diretta, non oso immaginare il casino galattico che deve esserci stato in studio al momento delle sessioni, tuttavia la scelta si è rivelata felicissima, perché il suono così secco e asciutto giova nettamente all'atmosfera dell'album.

Una badilata nei denti che rimpiango di aver scoperto con un anno di ritardo, perché avrei avuto l'occasione di tritarmi il cervello ascoltandolo molto più a lungo, ma meglio tardi che mai. Complimenti.