Gruppo: Acheronte
Titolo: Ancient Furies
Anno: 2016
Provenienza: Italia
Etichetta: Satanath Records
Contatti:

Facebook  Twitter  Soundcloud  Youtube  Bandcamp  Reverbnation  Myspace

 
TRACKLIST
  1. Addicted To War (Assurnasirpal II)
  2. Destroyer For The Glory (Alexander The Great)
  3. Ancient Persecutor Of Christianity (Diocletian)
  4. Flagellum Dei (Attila)
  5. The Lame One (Tīmūr Barlas)
  6. The Lord Impaler (Vlad III)
  7. Bloods For the Gods (Ahuitzotl)
DURATA: 37:03
 

Ormai quasi cinque anni fa ebbi l'occasione di conoscere i marchigiani Acheronte attraverso l'ep "Genesis Of Evil", una prima testimonianza discretamente promettente, basata su di un black metal diretto ma abbastanza vario. Ora Satanath Records mi propone il loro primo album, intitolato "Ancient Furies" e uscito lo scorso anno.

Le sette tracce passano in rassegna sette personaggi sanguinari che hanno segnato la Storia. Si va dai celeberrimi Alessandro Il Grande e Attila a Timur Barlas (il Tamerlano, condottiero dell'impero timuride) e Ahuitzotl (l'ottavo imperatore azteco).

La musica segue di pari passo le gesta violente e grandiose dei protagonisti, attraverso un black metal combattivo, incalzante, devoto ai Marduk dell'era Legion, con alcune aperture vagamente epiche. Sfortunatamente i suoni impastati gambizzano gravemente la potenza della deflagrazione in atto, generando una certa confusione che mal si sposa con le intenzioni del gruppo. Sovente si degenera in un certo parossismo ritmico e in fasi strumentale convulse che tendono ad appiattire i toni della proposta, comportando una rivalutazione al ribasso degli spunti più interessanti. Considerando l'opera precedente con cui mi ero cimentato, "Ancient Furies" suona alle mie orecchie come una specie di album registrato in presa diretta, sporco e abrasivo, che non rispecchia le capacità in possesso di Phobos e soci.

A mio modesto parere, siamo di fronte a un passo falso per gli Acheronte, poiché "Ancient Furies" non rende loro giustizia. Per smentirmi o per elaborare un vostro giudizio personale, potete come sempre recarvi sulla pagina Bandcamp della Satanath per un ascolto integrale.