Manetheren - The End
 
Gruppo: Manetheren
Titolo: The End
Anno: 2017
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: Avantgarde Music
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST
  1. The Sun That Bled
  2. And Then Came The Pestilence
  3. The Ritual
  4. When All Is Still, There Is Nothing
  5. Darkness Enshrouds
  6. The End
DURATA: 01:01:47
 

Seppure al primo passaggio su Aristocrazia, i Manetheren sono un gruppo dalla carriera abbastanza lunga: fondati nel 2003 nell'area di Minneapolis (anche se l'unico superstite della formazione originale è attualmente il semi-tuttofare Azlum), avevano già all'attivo quattro album prima di "The End", pubblicato nel 2017 dalla nostrana Avantgarde Music.

I Manetheren (il cui nome deriva dal ciclo di libri "La Ruota Del Tempo" di Robert Jordan) sono parte di quella ormai folta schiera di gruppi black metal provenienti dall'America settentrionale e attratti dalle declinazioni più o meno atmosferiche e vicine al post-metal. Il disco in questione è presentato come un concept album, con l'inequivocabile premessa che «The album itself represents Nihility overall» (ovvero: «L'album stesso rappresenta il Nulla in generale»), affrontando il tema della morte e della scomparsa attraverso i sei capitoli spalmati su un'ora circa di musica.

Il batterista italiano Thorns (già apprezzato con Frostmoon Eclipse, Blut Aus Nord e Acherontas, tra gli altri) è stato confermato in formazione, aggiungendo tanto alla pienezza del sound nel complesso. Il disco è molto vario e ben suonato, gestito con grande consapevolezza, anche grazie alle trame intessute con le chitarre da Azlum. I Manetheren raramente vanno sopra le righe nel corso di "The End", sia sulle accelerazioni che sui rallentamenti, donando così all'album una grande sensazione di unità generale. La suite finale "The End", invece, si avventura sia nell'estremo dei blast beat che nella pacatezza dell'assoluto nelle sezioni atmosferiche, candidandosi a mio avviso come brano più completo e riuscito del lotto.

Bella pescata per Avantgarde Music, che aggiunge un progetto interessante per chiunque si interessi di questa branca del black metal; i Manetheren possono forse dare ancora qualcosa per quanto riguarda la personalizzazione della proposta. Il disco è anche ascoltabile su Bandcamp, decisamente consigliato.