I, The Betrayer - 7
 
Gruppo: I, The Betrayer
Titolo: 7
Anno: 2017
Provenienza: Norvegia
Etichetta: Darkspawn Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Soundcloud  Youtube  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. Credulity
  2. Selfish Ride
  3. Conformity
  4. Humanity
  5. Creatures Of Hate
  6. Boaster
  7. Ignorance Pt. 1
DURATA: 31:11
 

Ormai da qualche tempo, nell'Europa settentrionale, si è avviato una sorta di revival delle sonorità classiche dell'heavy metal e dell'hard rock, rivisitate alla luce dei trascorsi più o meno estremi delle scene locali. Gli esempi più immediati di questo approccio sono forse i Chrome Division o i Volbeat, con i loro chitarroni, le influenze blues e rockabilly. Da Oslo, gli I, The Betrayer si inseriscono precisamente in questo solco.

Il quintetto esordisce con l'EP "7", pubblicato in edizione fisica attraverso la neonata Darkspawn Records. La veste grafica di copertina e libretto indica lo stile semplice e diretto dei Norvegesi, ancor più chiaro dal titolo che sembra non far altro che sottolineare il fatto che i brani inclusi nel disco siano sette (l'ultimo "Ignorance" non è scritto sul retro, ma fa parte dell'album). Nell'arco dei circa trenta minuti che compongono l'EP, gli I, The Betrayer esplorano un ampio raggio di influenze (ci sono addirittura tracce di System Of A Down nel cantato di "Conformity").

La heavy ballad "Humanity" ricorda molto quelle di tante band nu metal venute fuori nella prima metà degli anni '00. In generale, "7" è un buon biglietto da visita per il gruppo, che funziona bene come vetrina su ciò che la band è in grado di fare. A livello tematico, i cinque si concentrano sulla lotta alla stupidità e alla sopraffazione che spesso deriva dall'egoismo (per esempio nella kornesca "Creatures Of Hate").

Non siamo davanti a un disco particolarmente coeso, vista l'ampiezza degli stili di riferimento degli I, The Betrayer, tuttavia ci sono alcuni bei momenti che potranno fare la felicità degli appassionati delle scene sopracitate. Seguiremo gli sviluppi futuri del quintetto, per vedere se riuscirà anche a costruirsi una personalità più chiara e riconoscibile con il prossimo lavoro.