Gruppo: Black Whispers
Titolo: Shades Of Bleakness
Anno: 2015
Provenienza: Costa Rica
Etichetta: Symbol Of Domination Productions / Prison Tatt Records / Outer Line
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. Intro (Useless Existence)
  2. Gloom
  3. Never-Ending Unsteadiness
  4. Stuck In The Past Ruins
  5. Dying [cover Life Neglected]
DURATA: 36:04
 

I Black Whispers sono una band fondata da J.F. a Cartago, nel cuore della Costa Rica. "Shades Of Bleakness" è il loro secondo album, nel quale compaiono anche l'italiana Kjiel alla chitarra (attiva anche con gli Eyelessight e altri gruppi) e il messicano Nergot al basso (fondatore  dei Sacrimoon), mentre la batteria è opera dell'ospite H.K. (che Metal Archives identifica come Hyàkrisht, batterista dei pescaresi Black Faith).

Questo progetto transnazionale si muove sulle coordinate di un black metal atmosferico, con umori depressive-suicidal dell'ultimo periodo e post-rock, che alcuni chiamano anche post-black metal. La musica non è mai impetuosa, le ritmiche di Hyàkrisht sono sempre moderate, Kjiel ricama classiche melodie cicliche e struggenti. J.F. opta per un cantato spettrale poco articolato, un rantolo costante scevro da variazioni e che fa da contraltare alla malinconia della musica; col supporto in alcune occasioni del cantato pulito.

L'approccio alla materia è piuttosto moderno, come dimostrano i suoni cristallini che palesano anche il basso di accompagnamento. I Black Whispers utilizzano soluzioni canoniche (come l'arpeggio iniziale di "Stuck In The Past Ruins") senza mai irritare. Il percorso battuto è sicuro e privo di scossoni, evitando qualunque tipo di esagerazione o scimmiottamento incontrati troppe volte nel filone DSBM.

Sul fronte opposto, va rilevato come il cantato sia troppo monolitico e privo di sfumature, mentre le rare movenze accelerate talvolta sono brusche, come fossero piazzate a forza.

In conclusione, "Shades Of Bleakness" è un'opera che gli amanti della corrente atmosferica e depressiva del black metal potranno gradire. D'altra parte la sua reverenza verso i precetti cardine colloca i Black Whispers in una nicchia precisa, confortevole quanto ristretta.