Nypra - Senso di Colpa
 
Gruppo: Nypra
Titolo: Senso Di Colpa
Anno: 2017
Provenienza: Italia
Etichetta: Dischi Bervisti
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Youtube  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. Intro
  2. Senso Di Colpa
  3. Boredoom
  4. Blow
  5. Brexit
  6. Decline
  7. Amaro Astio
  8. Sickness
DURATA: 18:03
 

L'hardcore è ormai da qualche tempo un ospite quasi fisso qui su Aristocrazia (come visto ad esempio con Affranti e Zeit), così come la Dischi Bervisti, che continua a proporre interessanti nomi più o meno emergenti della scena italiana. I Nypra (un richiamo alla parola russa «Пурга», che indica un tipo di vento potentissimo in grado di sollevare anche il ghiaccio dal suolo) sono un trio originario del bellunese, fondato nel 2016 e già arrivato alla prima uscita con "Senso Di Colpa" nel corso della burrascosa estate 2017.

Fin dalla copertina (opera di Maria Todesco e raffigurante il discusso sindaco di Albettone, Vicenza, su sfondo molto crust), sappiamo che il terzetto non le manderà di certo a dire. L'intro con la melodia della celebre canzone partigiana russa "Katjuša" (e quindi di "Fischia Il Vento") prepara il terreno a diciotto minuti di rabbia e potenza «contro tutte le forme di prevaricazione/inciviltà contemporanee», pregni di un amore viscerale per la musica e per l'umanità.

I Nypra nascono per opporsi all'alienazione del piccolo borgo bellunese e, a giudicare dall'energia profusa nella creazione di "Senso Di Colpa", si può dire che il risultato sia sicuramente degno di nota. Per farvi un'idea più precisa dello stile diretto dei tre potete provare la potente "Brexit", tenendo anche a mente che il disco è stato registrato in presa diretta (presso il Groovestudio di Tommaso Mantelli).

"Senso Di Colpa" è un debutto molto energico e — in un certo senso — umanamente necessario, per Nicola Anselmi (chitarra e basso), Rocco Turra (chitarra, basso e voce) e Marco De Boni (batteria). Dopo essere passati per qualche tempo da un progetto all'altro (per esempio Slowdown e Bleeding Eyes), i tre potrebbero aver trovato la propria dimensione, opponendosi ai «subdoli sensi di colpa che si annidano in ognuno di noi».