Gruppo: Gutrectomy
Titolo: Slampocalypse
Anno: 2017
Provenienza: Germania
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp  Reverbnation  Myspace

 
TRACKLIST
  1. Intro
  2. Flatulence Violence
  3. Progenies Of The Great Slampocalypse
  4. Deepthroat Decapitation
  5. Eat This Fetus
  6. Uterus Uppercut
  7. Kick Pregnants
  8. Infant Incest Infestation
  9. Fisted By T-Rex
  10. Midget Facefuck
  11. Highkick Abortion (Midget's Revenge)
DURATA: 30:25
 

I Gutrectomy tornano – come da loro promesso – con un disco di lunga durata. La mia impazienza era difficile da controllare. Dopo il riuscito EP "Slamageddon" del 2014, il quartetto ci invita a un circle pit sfrenato con "Slampocalypse".

Durante il primo incontro avevamo accennato alla creatività e alla compattezza sonora. Nel 2017 i ragazzi presentano composizioni un po' meno frivole e arricchite da alcune trame oscure. Le influenze Thrash, Hardcore e Grind di vecchio stampo danno brio alle canzoni, in cui troviamo anche i luoghi comuni del Death Metal.

Le idee sono tante, una gran parte di esse convincono, ma qualcosa sembra mancare: la malta per legare il tutto e del colore per ravvivarlo. "Slampocalypse" diventa ripetitivo con il passare dei minuti, perde colpi nella seconda metà ed è, soprattutto, meno coerente dell'EP.

Che dire? "Slamageddon" era un bella promessa. Personalmente, per considerarla mantenuta, avrei preferito un secondo disco in quel formato, su cui si sarebbe potuta concentrare l'essenza del gruppo ora diluita nella "Slampocalypse".