Gruppo: Acid Death
Titolo: Pieces Of Mankind
Anno: 1998
Ristampa: 2016
Provenienza: Grecia
Etichetta: Copro Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp  Reverbnation

 
TRACKLIST
  1. Lost (Intro)
  2. While The End Is Coming
  3. Reappearing Freedom
  4. Our Shadows
  5. Frozen Heart
  6. My Destination
  7. Liquid Heaven
  8. Realising
  9. A/I (Artificial Intelligence)
  10. The Mirror On The Top Of The World
  11. My Destination [versione demo 1996]
  12. Reappearing Freedom [versione demo 1996]
DURATA: 55:51
 

La formazione greca degli Acid Death era già stata nostra ospite in occasione del rientro in scena con l'album "Eidolon", recensito dal sottoscritto. Adesso torna a farci visita, grazie al ripescaggio del lavoro di debutto,"Pieces Of Mankind", dato alle stampe in prima battuta nel 1998 a opera dell'etichetta britannica Copro Records, che per l'occasione lo ha rimasterizzato, aggiungendo in qualità di bonus due tracce demo del 1996.

In tutta sincerità, reputo i Greci una formazione sfortunata, vittima della poca visibilità ricevuta da una promozione scadente e da etichette incapaci di supportarla. Affermo ciò perché sia il piacevole "Eidolon", sia questo atto di inizio carriera mi hanno permesso di entrare in contatto con musicisti preparati, il cui death-thrash metal tecnico ben supportato dalle rifiniture di tastiera è sicuramente figlio di grandi gruppi quali Death, Atheist, Pestilence e Coroner. I Nostri sono abili nell'evitare strutture inutilmente convulse, riuscendo così a comporre canzoni equilibrate e coinvolgenti, sfruttando la componente di impatto, quella melodica e a tratti — talvolta ampi — una vena progressiva dalle atmosfere di stampo settantiano. L'ascolto di episodi come il trittico formato da "Reappearing Freedom", "Our Shadows", "Frozen Heart" o il susseguirsi di "Realising" e "A/I (Artificial Intelligence)" fornisce un gradito riscontro, stavolta ben sostenuto da missaggio e mastering, capaci di dare spazio e udibilità all'intero parco strumentale.

"Pieces Of Mankind" e gli Acid Death non inventarono nulla al tempo e di certo non lo fanno in questa veste più adatta, ma non andrebbero sottovalutati. Inserite il disco nel lettore, dedicandogli il tempo dovuto, potendo così dare peso ai valori e alle peculiarità di un composto ben al di sopra della media, che spero riesca ad attrarre l'interesse degli appassionati fruitori del metallo della morte non esclusivamente devoto alla violenza e alla marcescenza sonora.