Gruppo: The Lords Of Altamont
Titolo:  The Wild Sounds Of Lords Of Altamont
Anno: 2017
Provenienza:  U.S.A.
Etichetta: Heavy Psych Sounds
Contatti:

Sito web  Facebook  Youtube

 
TRACKLIST
  1. Like A Bird
  2. Been Broken
  3. Going Downtown
  4. Take A Walk (On The Short Pier)
  5. Evil (Is Going On) [cover Howlin' Wolf]
  6. (Ain't No) Revolution
  7. Death On A Highway
  8. Fever Fix
  9. I Said «Hey»
  10. Can't Lose
  11. Where Did You Sleep
DURATA: 32:41
 

Il rock è passione e dovrebbe essere sanguigno, sfacciato, scatenato: i The Lords Of Altamont ne sono una buonissima personificazione. La band composta da membri di The Bomboras, The Fuzztones e The Cramps è rodatissima e conscia dei mezzi a propria disposizione. "The Wild Sounds Of Lords Of Altamont", rilasciato dalla sempre più attenta Heavy Psych Sounds, possiede un titolo decisamente esplicativo per ciò che riguarda il carattere del gruppo e fornisce un'ulteriore e divertentissima riprova delle sue qualità.

Rock'n'roll, garage e glam punk, striature psichedeliche e vibrazioni di natura stoner si fondono in un album che viaggia su ritmi frenetici, grondante di adrenalina e furore che sprizza da ogni singola nota. L'introduttiva e caldissima "Like A Bird" invita subito a muovere il corpo, così come "Going Downtown", che ci permette di apprezzare la prova sugli scudi del cantante Jake The Preacher Cavaliere.

I The Lords Of Altamont sembrano a dir poco indemoniati in "Death On A Highway" e "I Said «Hey»", irriverenti come se non ci fosse un domani in "Fever Fix", striscianti e sensuali nell'esplorare il lato blues in "Take A Walk (On The Short Pier)" e nella riproposizione di "Evil (Is Going On)", brano composto da Willie Dixon e registrato nel 1954 da Chester Arthur Burnett (Howlin' Wolf) per Chess Records. Infine fanno emergere l'aura psych specialmente all'interno di "(Ain't No) Revolution".

"The Wild Sounds Of Lords Of Altamont" ti colpisce in pieno volto, uno spirito ribelle che invita l'ascoltatore a ballare e a lasciarsi indietro qualsiasi preoccupazione. Se ho già scritto di Cavaliere, elogiandone l'ottima prestazione dietro al microfono (e sarebbe giusto registrare anche quella altrettanto valida in rifinitura offerta con l'organo), lo stesso va fatto per il chitarrista Dani Sindaco, letteralmente fantastico in "Where Did You Sleep", per il bassista Rob Zimmerman, il cui lavoro è a dir poco esaltante nella già citata "Like A Bird", e il martellante batterista Steven Var Der Werff. Gli ingranaggi insomma sono oliatissimi e insieme girano che è una meraviglia!

I The Lords Of Altamont  sono un gruppo da godere su disco senza problemi, ovviamente a volume sparatissimo. Vi suggerisco inoltre di non perderli dal vivo: con bordate di questo tipo, non potrete che trascorrere una serata a base di alcol e rock'n'roll che non dimenticherete facilmente. Prendo in prestito il titolo di un album di Mr. Michael Schenker e vi invito a urlare: «Rock will never die!».