Gruppo: Zenden San
Titolo: Daily Garbage
Anno: 2017
Provenienza: Italia
Etichetta: Karma Conspiracy Records
Contatti:

Facebook  Youtube  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. Bang!
  2. The Death Of An Eddhead
  3. Daily Garbage
  4. Life Of A Pavement
  5. Elephant & Spider
  6. Doctors' Club
  7. Eltu Rasz
  8. Interim
  9. Industrial Zone
  10. Burpobarf
DURATA: 38:05
 

Il duo cremonese degli Zenden San sa bene cosa voglia dire divertirsi, giocare, sperimentare e — non per ultimo — comporre della buonissima musica. Fabrizio Giovampietro al basso e Alessandra Fiorini alla batteria hanno modellato un album che non possiede una vera e propria forma distinta. "Daily Garbage" spazia in maniera disinvolta e intrigante all'interno di svariati territori sonori, infilandosi in area rock, funk, jazz, noise, metal e mathcore, non facendo percepire poi più di tanto l'assenza di una sei corde né di uno sfocio vocale.

Cambi di ritmo costanti, movenze più groove o labirintiche, sezioni di basso slappate o fluidamente psichedeliche, accelerazioni improvvise, stop'n'go e felpate diluizioni vanno a riempire un'atmosfera nella quale la strumentazione dei due galleggia liberamente. Esibiscono così tutto il proprio estro in episodi come "The Death Of An Eddhead" e "Eltu Rasz", colpiscono in pieno petto con "Bang!", facendo apparire un sorriso interessato durante l'ascolto di esecuzioni eccitanti nella loro spassosa mutazione quali sono "Life Of A Pavement", "Elephant & Spider" e "Doctors' Club", lasciando infine alla doppietta conclusiva composta da "Industrial Zone" e "Burpobarf" l'onere di incuriosire ulteriormente, sfoderando una maggiore e ancora più esaltata propensione alla pura improvvisazione.

Una volta inserito nello stereo "Daily Garbage", riscontrerete come nel suo D.N.A. siano presenti geni di tante personalità musicali note — che non starò qui a elencare — e probabilmente lo amerete ancora di più, perché i nostri Artisti (la «a» maiuscola è voluta) non si sono limitati a proporre una formula i cui cardini reggenti fossero derivazione e ispirazione dall'altrui passato, né ad ammassare soluzioni e idee nel tentativo di concepire una lezione di stile. Il loro è un tecnicismo impeccabile, un virtuosismo dal forte impatto live (i suoni sono davvero belli e la produzione di Fabio Recchia ottima), che si evolve di passo in passo e in modo entusiasta e gratificante. Tale qualità si fonde perfettamente con la voglia di trasformazione costante della band.

"Daily Garbage" è un disco rivolto a chiunque senta il bisogno di staccarsi dai soliti ascolti. Qualcuno potrebbe ritenerlo adatto a «pochi ma buoni» o esclusivamente per quelli che ricercano uscite eclettiche e formalmente meno ancorate a una forma canzone classica. Prendetela un po' come vi pare: per come la vede il sottoscritto, la buona musica la fa da padrone e qui ne troverete veramente a pacchi. Gli Zenden San? Bravi è dire poco!