Gruppo: Nyss
Titolo: Princesse Terre (Three Studies Of Silence And Death)
Anno: 2017
Provenienza: Regno Unito
Etichetta: Avantgarde Music
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. I
  2. II
  3. III
DURATA: 30:14
 

Sono relativamente scarse le informazioni in nostro possesso riguardo ai Nyss, un duo franco-britannico (anche se ufficialmente situato nel Regno Unito) che ha da poco sfornato il proprio debutto intitolato "Princesse Terre (Three Studies Of Silence And Death)". E per certi versi è forse meglio così, poiché determinate espressioni artistiche non hanno alcuna necessità di avere nomi o volti a corredarle; esse esistono e crescono nella mente dell'uditorio a prescindere dagli esseri che hanno fatto da tramite per il loro sviluppo.

Questa opera divisa in tre atti sembra davvero animarsi di vita propria sin da subito, quando veniamo avvolti da un'atmosfera delicata e malinconica che potrebbe essere la colonna sonora ideale per l'osservazione di un mondo ormai disabitato, il quale si sta riprendendo dal trauma di aver ospitato per troppi millenni la razza umana. Tutto ciò che segue appare come qualcosa di molto simile al racconto di come l'umanità si sia finalmente estinta e viene espresso tramite un Black Metal incalzante e cupo, satollo di atmosfere plumbee e tormentate, solenne e incisivo, che può ricordare alle volte una versione più sofferente, livida e sperimentale dei Sojourner.

Dalle sporadiche reminiscenze Xasthur alle melodie rigonfie di sensazioni Post, dalle toccanti divagazioni atmosferiche alle buie voragini di nervoso sperimentalismo, all'interno di questo lavoro confluiscono i più disparati influssi stilistici. La forza dei Nyss non risiede tuttavia soltanto nella mera padronanza delle proprie influenze, bensì nella capacità di affrescare un disco incredibilmente pregnante e ispirato. Sarà semplice immaginarsi intenti nell'esplorazione di un mondo fumoso e spettrale, nel quale riusciamo a respirare soltanto acri bocconi di aria acida e riarsa; un panorama funereo, costellato di aguzzi e opprimenti picchi di cinerea angoscia oppure tarlato da abissali depressioni ribollenti di nera e viscosa sofferenza. I pochi barlumi di luce di tanto in tanto percepibili vengono immediatamente fagocitati da informi ammassi di eterea decadenza: quella stessa decadenza che porta con sé la consapevolezza di un futuro rovinoso, avvolgendoci in un gelido e pesante sudario sotto al quale attendere l'amara e ineluttabile fine di ogni cosa.

"Princesse Terre (Three Studies Of Silence And Death)" è un disco evocativo e di notevole caratura, al cui interno viene coniugata con sapienza l'istintiva ferocia del Black Metal classico con una consistente componente atmosferica e con una massiccia e consapevole dose di un più moderno afflato sperimentale. Un lavoro a dir poco splendido e certamente di altissimo livello.