Gruppo: Minas Morgul
Titolo: Kult
Anno: 2017
Provenienza: Germania
Etichetta: Trollzorn Records
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST
  1. Einleitung
  2. Kult
  3. Ein Tell Von Mir
  4. Abschied
  5. Leere
  6. Bevor Ich Gehe
  7. Nur Eine Kugel
  8. Scherben
  9. Was Bleibt
  10. XX
DURATA: 47:55
 

Sarò onesto: prima di imbattermi nella band di cui scrivo, avevo sentito parlare di Minas Morgul solo nel contesto dell'opera tolkeniana o in riferimento all'album di certi austriaci suonatori-di-pianole-e-vuvuleza. La formazione di cui scrivo oggi, invece, è (ugualmente) longeva, nata sul finire del secolo scorso e giunta, nel 2017, a festeggiare il secondo decennio di attività. Un po' a celebrazione di ciò è avvenuta la pubblicazione del qui presente "Kult", tramite la Trollzorn Records.

Non si può parlare, a oggi, di un disco di culto, ma sicuramente questa opera non è affatto male. Nei poco più di tre quarti d'ora della scaletta scorre fluido e denso il sangue nero come la pece della creatura romantica teutonica, che ha in circolo abbastanza malae da saziare il fabbisogno dell'ascoltatore. Non abbiamo a che fare con la solita copia pedissequa di formazioni d'altri tempi né si riesce bene a effettuare una reductio ad unum per ricondurre a un unico genere le influenze qui presenti. Se da un lato è ben evidente una venatura più tendente al folk atmosferico dei Primordial, dall'altro è presente una certa tendenza al post- più tipica degli Anomalie; oppure, un altro paragone fattibile, a mio avviso, è con lo stile un po' à la esercizio di futilità dei polacchi Mgła: deciso e infuriato ma che tiene pur sempre un occhio puntato sul fronte delle melodie.

C'è un'unica osservazione negativa che mi sento di fare su "Kult": non si tratta di un'opera omogenea. Sono presenti varie influenze che però non si amalgamano tra di loro per andare a creare uno stile singolare e più complesso; piuttosto, i vari spiriti che possiede l'anima dei Minas Morgul si incarnano singolarmente in ogni traccia, restando a sé stanti. Che peso ha una tale eterogeneità nel complesso? Rende indubbiamente la prova dei Nostri varia, quasi a costo di limitarne la bellezza in un formato così fisso come quello del CD.

Detto ciò, non mi sento di sconsigliare l'ascolto dei Minas Morgul a chi non li ha mai incontrati: "Kult" è un disco interessante e, per certi versi, piacevole. Personalmente l'ho trovato troppo denso da mandare giù da solo, così com'è; d'altro canto, se apprezzate proposte così eterogenee, non vorrete affatto diluire una pillola di questo tipo.