Gruppo: Voight Kampff
Titolo: Substance Rêve
Anno: 2018
Provenienza: Francia
Etichetta: Sliptrick Records
Contatti:

Facebook  Twitter  Soundcloud  Youtube  Bandcamp  Reverbnation

 
TRACKLIST
  1. Substance Rêve
  2. Robotic Warfare
  3. Genetic Genesis
  4. Form Destroyer
  5. Return To Genesis
  6. Rebellion
  7. Memories
  8. Shoulder Of Orion
  9. Fires Of Orc
  10. La Dernière Rencontre
DURATA: 01:03:37
 

Attendevo con interesse il ritorno dei Voight Kampff, poiché ero rimasto davvero soddisfatto dalla scoperta di "More Human Than Human" (2012) ed ero particolarmente curioso di comprendere cosa avrebbe proposto la band francese. Il capitolo successivo si intitola "Substance Rêve" ed è stato pubblicato quest'anno da Sliptrick Records, non più quindi in maniera indipendente come nel passato.

Dopo una serie di ascolti, posso tranquillamente asserire che la proposta tecnica di stampo thrash metal con lievi derive nel mondo death ha mantenuto la sua complessità e la capacità di creare trame intricate, evitando comunque di accartocciarsi su se stessa. Le influenze presenti nel suono e nel modo di comporre i pezzi sono rimaste le stesse che ho citato nell'articolo antecedente; magari qualcun'altra potrebbe essere pure tirata in ballo, ma lascio a voi l'incombenza. Anche la visione futuristica e spaziale è tuttora presente e parte integrante del lavoro, vi basterà leggere i titoli dei pezzi e guardare la copertina per averne un primo ed evidente riscontro.

"Substance Rêve", come il suo predecessore, è tutt'altro che di semplice assimilazione. Possiede brani interessanti per varietà dinamica ed evoluzione interna ("Robotic Warfare", "Genetic Genesis", "Rebellion" e "La Dernière Rencontre"). Si affida poi a un paio di episodi dalla durata contenuta e dall'approccio squisitamente atmosferico ("Return To Genesis" e "Shoulder Of Orion") per fare riprendere fiato all'ascoltatore, ripartendo poi in maniera più corposa. D'altro canto risente, però, di un paio di lungaggini evitabili e avrebbe meritato, forse, una maggiore spinta in fase di produzione; inoltre, il suono delle chitarre pare manchi, talvolta, di quel pizzico di aggressività in più che non guasterebbe.

Alla fine della fiera, "Substance Rêve" dimostra di essere una spanna e più superiore per qualità a molte delle uscite prodotte da vari colleghi, in un settore che non ha un seguito numeroso e difficilmente adatto a chi è abituato al panorama della musica usa e getta. I Voight Kampff meritano insomma un po' della vostra attenzione e ve ne consiglio caldamente l'ascolto e l'acquisto; se possibile, partite dal debutto per poi godervi appieno anche "Substance Rêve". Non si tratta di capolavori ma di dischi che difficilmente passeranno inosservati per gli amanti del genere.