Gruppo: Pryapisme
Titolo: Epic Loon OST
Anno: 2018
Provenienza: Francia
Etichetta: Apathia Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Youtube  Bandcamp  Spotify

 
TRACKLIST
  1. Epic Loon Theme
  2. In Space, No One Can Hear You Make Yourself A Sandwich
  3. Nostromo Cryo System: Fresh Ice Cream Guaranteed!
  4. An S.O.S From LV426 Takes 6M Years To Reach Belgium
  5. Acheron, The Calpamos Moon, Is Also The Name Of Our Cat
  6. Xenomorphs Are Just Big Chickens After All
  7. For The Smile Of A Child With A Dolphin T-Shirt
  8. Evil Nutshells With Hay Fever Vs All People Named Renée
  9. Did Prehistoric Giraffes Wear Long Ties?
  10. It's Way Too Hot To Drink Rustproof Engine Oil
  11. The Best Vacuum Cleaners Were Produced During The Cenozoic Era
  12. Tyrannosaure+Châlet7=Taupiniere-(N/Saumon)²
  13. Damned Raptors!
  14. Programming Naughty Pictograms In Python
  15. Epic Boss Theme
  16. Un Quadrilobe À Palmette Fleurdelysé, Ça A Du Chien
  17. Even In The Carpathians, Taking A Train Is Still Faster Than Riding A Ghoul
  18. What Would Chester Copperpot Have To Say About This?
  19. A Quantum Mirror May Generate Self-Petrified Gorgons
  20. Tidal Energy Through A Rat's Perspective
  21. Cette Année, On Anticipe Les Mites Avec Un Inhibiteur De La Pompe À Proton
  22. Fishermen's Villages Usually Hide Ninjas
  23. Luckily, Reptiles Use Condoms. Phew! No Chlamydia This Time...
  24. Bubbles Will Be Crapped In Glue Over Tokyo's Harbour
  25. Muzzle, Snout, Fire, Muzzle
  26. Death By Uranium Hexafluoride
  27. Mullet Haircut Grand Finale
  28. Score Theme Extended [traccia bonus]
  29. Epi The Clown [traccia bonus]
DURATA: 01:18:32
 

Terzo passaggio su Aristocrazia per i Pryapisme, questa volta con un'uscita piuttosto particolare: una colonna sonora interamente curata dalla band francese per un videogioco indipendente intitolato "Epic Loon".

Il lavoro è suddiviso in due CD e quattro... videocassette che immagino rappresentino le ambientazioni del gioco, contornate da un'intro per disco e due tracce bonus, per un totale di ventinove brani mediamente di breve durata, con poche eccezioni sopra i quattro minuti. Chi conosce la musica dei Pryapisme sa che anche aspettandosi qualunque cosa non si riuscirebbe a non rimanere a bocca aperta: date un'occhiata ai titoli per farvi un'idea. Lasciatemi tuttavia sottolineare che nella sezione del libretto dedicata agli ospiti viene citata la Virtual Cats Plugin Orchestra in cui — oltre a una serie interminabile di strumenti tradizionali — compaiono... cose di qualsiasi tipo, tra cui racchetta da tennis, incudine, sigaretta elettronica, dildo, pollici in su e perfino handjobs. Senza contare gente che ha semplicemente portato i panini, che ha riparato tutte le porte rotte o che «non si sa cosa stesse facendo lì». Un'orchestra alquanto particolare, insomma.

Da questo album risulta palese che i Pryapisme si trovano perfettamente a proprio agio nell'ambiente videoludico. Sarebbe interessante vedere come questa surreale colonna sonora troverà la propria controparte visiva nel gioco; tuttavia, già dalla musica è possibile farsi un'idea: le quattro videocassette, infatti, portano titoli di film più o meno immaginari che vengono rappresentati dai brani in maniera decisamente fantasiosa. Ci si ritrova, quindi, nel mezzo di sonorità spaziali, extraterrestri e futuristiche in "Alien: The Hithicker"; si torna indietro nel tempo fino alla preistoria con le percussioni tribali di "Jurassik Land"; si passa alle atmosfere più cupe, quasi gotico-sinfoniche di "Nosferacula"; infine, si finisce in Estremo Oriente — per la felicità del sottoscritto — in "Grojira". Badate, però, che se da un lato questi dettagli sono utili per intuire l'ambientazione e si ripresentano nel corso di ogni sezione, dall'altro non sono assolutamente un freno per l'inarrestabile follia dei Pryapisme.

Se c'è qualcosa che potrebbe superare in quantità la lista di strumenti menzionata in precedenza, è sicuramente il numero di generi attraversati all'interno dell'album. Non so neanche da dove cominciare a elencarli e, anche se lo sapessi, non saprei quando riuscirei a finire; posto che una fine ci sia. Sono rari i casi in cui si rimane nello stesso stile per più di quindici secondi, passando continuamente da una parte all'altra dell'intero spettro musicale con una naturalezza che pochissimi possono vantare. Probabilmente Avantgarde-Progressive Metal rimane il modo migliore di descrivere il sound del gruppo per una semplice questione di prevalenza dello stile, ma è comunque una definizione stretta: il fattore elettronico è ampiamente presente, mentre gli altri generi — pur ricoprendo un ruolo minore, presi singolarmente — nel complesso creano un minestrone fuori da ogni concezione umana (ma non da quella felina, a quanto pare).

Va da sé che non proverò neanche per finta ad analizzare in maniera più approfondita i brani: sarebbe puro masochismo. Sappiate, però, che dovrete affrontare — tra le altre cose — musica Classica, Etnica, Folk (di chissà quante aree geografiche diverse), Prog Rock, Jazz e Ambient, senza dimenticare un po' di sana EDM (ad esempio, Dubstep e Techno) e qualcosa di simile ai Dimmu Borgir. Il tutto è costantemente immerso in un'atmosfera da videogioco degli anni Ottanta-Novanta, con tanto di suoni 8-bit che compaiono qua e là a rendere l'album incredibilmente divertente e godibile, come potete vedere dal video ufficiale che racchiude due tracce.

Sembra che i Pryaspisme, con questa uscita, abbiano tirato fuori il meglio di sé, perfezionando ulteriormente il proprio sound e mettendolo a disposizione delle esigenze del videogioco. Per poter giocare a "Epic Loon" dovremo aspettare ancora qualche settimana, nel frattempo vi consiglio di godervi la colonna sonora disponibile in streaming sui canali del gruppo (che trovate sulla sinistra) e di Apathia Records.