Gruppo: In Oblivion
Titolo: Memories Engraved In Stone
Anno: 2018
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: Endless Winter
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. Wreathed In Gloom
  2. An Eve In Mourning
  3. Memories Engraved In Stone
  4. In Perfect Misery
DURATA: 01:06:04
 

Ci eravamo lasciati con gli In Oblivion quasi tre anni fa, ai tempi del loro EP di debutto, con una certa acquolina in bocca. Finalmente la band americana è riuscita a esordire anche sulla lunga distanza con "Memories Engraved In Stone", soddisfacendo la nostra fame di angoscia e disperazione.

La scaletta composta da quattro tracce per un totale di oltre un'ora di musica ci conferma che siamo ancora nel gioioso mondo del Funeral Doom. Due dei brani, il primo e il terzo, sono versioni ri-registrate di quelli presenti nel precedente lavoro: in questa nuova veste, il suono è stato ripulito e raffinato, dando più spazio alla melancolia delle tastiere; gli intrecci più evidenti tra questo strumento e le chitarre, inoltre, risultano un'ottima novità che dona maggiore espressività a diversi passaggi.

Seguendo lo stesso stile, i due pezzi nuovi si confermano all'altezza di quelli già noti: in particolare spiccano gli oltre venti minuti di "In Perfect Misery", grazie a un lungo intermezzo atmosferico in cui chitarra e tastiera affliggono l'ascoltatore con note pregne di dolore, almeno fino al ritorno in territori prettamente metallici che avviene con un riff altrettanto sofferente. Non è da meno "An Eve In Mourning", più standard e priva di vere e proprie sorprese, eppure perfettamente in grado di non sfigurare grazie a una qualità della composizione e dell'esecuzione non indifferente.

Come già accadeva nell'EP, gli In Oblivion si dimostrano capaci di inserire variazioni al momento giusto: oltre ai già citati momenti di calma, alcune dinamiche vicine al Death Metal fanno capolino qua e là senza inficiare la natura funerea e monolitica della musica; l'esempio più lampante è senza dubbio l'accelerazione di "Wreathed In Gloom", ma sono presenti anche altri casi meno evidenti.

Non c'è molto altro da aggiungere, se non che "Memories Engraved In Stone" è un ottimo esempio di Funeral Doom che saprà soddisfare gli amanti del genere; oltretutto, anche in questo caso, il lavoro grafico esemplifica alla perfezione il contenuto musicale del lavoro. Davvero un bel primo disco per gli In Oblivion.