Gruppo: Graveyhard
Titolo: Homonymous
Anno: 2018
Provenienza: Italia
Etichetta: Sound Good
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Youtube  Bandcamp  Spotify

 
TRACKLIST
  1. Homonymous Prelude
  2. Waiting For Your Grave
  3. All I Need
  4. Extinction
  5. Still Alone
  6. Spellbound
  7. Hungin' Upside Down
  8. Sorrow
  9. Lost
  10. Through The Crowd
DURATA: 40:00
 

I toscani Graveyhard sono al terzo passaggio su Aristocrazia: l'ep "Black Train Starting" (2012) fu curato dal sottoscritto insieme a Dope Fiend, mentre mi occupai in prima persona del primo album "Cave Core". In occasione della seconda pubblicazione di lunga durata tocca nuovamente a me il piacere di parlarvi di pure Lunigiana sludge, definizione coniata dal gruppo per descrivere la propria musica. "Homonymous" esce finalmente sotto etichetta, la spezzina Sound Good.

Come nel recente passato, la proposta è di semplice lettura, maturata dal punto di vista compositivo e oggi ancora più definita e sicura nella sua commistione di generi colma di adrenalina. Soprattutto però risulta meglio prodotta, acquisendo quel pizzico di spessore in più del quale si percepiva la mancanza in precedenza. Tutto ciò mette in bella mostra una formazione che sfrutta con cognizione di causa tonnellate di groove, fango e ostilità, lasciandosi di tanto in tanto la libertà di accelerare i ritmi e imprimere un passo diverso ("Spellbound"), mentre le atmosfere sono ancora più dure e compatte.

"Waiting For Your Grave", il singolo "All I Need", "Still Alone", "Hungin' Upside Down" e "Through The Crowd" sono i brani che riassumono al meglio le passioni musicali e le influenze del gruppo, tutte facilmente riconoscibili. "Homonymous" non presenta invece momenti di calo, palesando una qualità costante ben al di sopra della sufficienza, grazie all'ennesima prestazione strumentale e vocale ben calibrata e all'aggiunta di un quid in più in fase di produzione.

Tre anni or sono Dope Fiend esprimeva ottimismo circa il futuro dei Graveyhard e ora si può tranquillamente affermare che la band non ha deluso le aspettative. "Homonymous" rafforza lo status di realtà da tenere d'occhio, anche dal vivo. Gli appassionati del genere ne prendano nota.