Gruppo: Al-Namrood
Titolo: 10 Years Of Resistance
Anno: 2018
Provenienza: Arabia Saudita
Etichetta: Shaytan Productions
Contatti:

Sito web Facebook  Spotify

 
TRACKLIST
  1. Estorat Taghoot
  2. Fe Al Diaji
  3. Hayat Al Khlood
  4. Al Jahliyah
  5. Endama Tuqsaf Al Rous
  6. Asdaa Al Dmar
  7. Atbaa Al-Namrood
DURATA: 40:00
 

Pubblicare album celebrativi in occasione degli anniversari di attività è ormai pratica comune tra le band del panorama metal e non solo. Quando a farlo però è un gruppo come gli Al-Namrood, l'occasione ha un sapore del tutto particolare. Oltre alle difficoltà che ogni band affronta nel proprio percorso musicale, la formazione Saudita ha dovuto infatti scontrarsi con la rigidità culturale e religiosa caratteristica della propria terra di origine. Come palesato dal fondatore Mephisto nelle centellinate interviste che è riuscito a concedere alle riviste di settore, fin dagli esordi gli Al-Namrood hanno infatti dovuto vivere in uno stato di costante clandestinità, abbandonando i propri nomi ed evitando foto pubbliche.

"10 Years Of Resistance" è quindi tutto fuorché un album scontato, almeno per il significato intrinseco del quale è portatore. Dal punto di vista musicale, il trio mediorientale ci propone sette tracce già rilasciate nel corso della propria carriera e in questa sede ri-registrate e rilasciate dall'ormai fida etichetta canadese Shaytan Productions. Sospesi in un limbo tra il mistico fascino della musica tradizionale araba e la ferocia, musicale e spirituale, del black metal, i Non Credenti ci propongono una summa della loro storia divisa in sette capitoli.

Nei 40 minuti di questa compilation gli Al-Namrood ripercorrono la propria storia, dagli esordi di "Atbaa Al-Namrood", presa dall'omonimo EP di debutto, fino ad arrivare a "Hayat Al Khlood" dall'album "Kitab Al Awthan" pubblicato nel 2012. Come ricorderete, su Aristocrazia abbiamo già avuto modo di presentare alcuni loro dischi; vi rimando quindi alle recensioni di "Astfh Al Tha'r", "Kitab Al Awthan" e "Estorat Taghoot" per un'analisi più esaustiva dei singoli episodi. Scorrendo la scaletta, avremo modo di notare come, negli anni, i Nostri abbiano affinato le proprie doti compositive, restando però sempre fedeli a se stessi.

L'originale unione tra il black metal, con saltuarie derive thrash, e gli strumenti tradizionali della cultura araba è stata la caratteristica che li ha sempre contraddistinti nel seppur limitato ventaglio delle band mediorientali. L'alone di mistero viene inoltre mantenuto dai testi composti in lingua natia, a noi di difficile comprensione, ma che lasciano trasparire tutto lo spirito ribelle del quale sono portatori. Non di quello becero e infantile di cui si fanno paladini band più o meno meritevoli, ma piuttosto di uno ragionato e consapevole.

Più che dal punto di vista musicale, credo perciò che questa compilation voglia celebrare l'impegno e la costanza che gli Al-Namrood hanno dimostrato di avere nel continuare la propria lotta in tutti questi anni. "10 Years Of Resistance" non è un ascolto facile sotto molteplici punti di vista, ma incarna perfettamente un ideale, la libertà di pensiero ed espressione, che ormai diamo troppo spesso per scontato e acquisito.