Gruppo: Neter
Titolo: Inferus
Anno: 2018
Provenienza: Spagna
Etichetta: Satanath Records / Cimmerian Shade Recordings / MurdHer Records / Black Plague Records
Contatti:

Facebook  Twitter  Google Plus  Soundcloud  Youtube  Bandcamp

 
TRACKLIST
  1. The Cords Of Sheol
  2. Faceless
  3. Rebirth Of The Overthrown
  4. The Pillars Of Heracles
  5. Blazing Fallout
  6. Atlantis Of The Sands
  7. Galvanize
  8. Primordial Entity
  9. Endemic Warfare
  10. The Eye Of Sirius
DURATA: 46:25
 

I Neter erano stati un piacevole incontro tre anni or sono. Per quanto derivativo, "Idols" si rivelò una mazzata death metal di tutto rispetto ed ero quindi curioso di ascoltarne il successore: "Inferus" è rilasciato in questo 2018.

Che gli spagnoli avessero una idea precisa dello stile di death metal da suonare era una cosa già chiara. Ora arriva un'altra conferma: premuto il tasto play, si viene difatti investiti da una combinazione di sonorità statunitensi ed europee, stavolta un po' più matura e rifinita ma sempre massiccia. In questa occasione trapela inoltre la volontà di non affidarsi esclusivamente alla spietatezza di un attacco dirompente, preferendo che il versante atmosferico e cupo del genere filtri all'interno dei pezzi, come avviene in "Faceless", "Primordial Entity" e "The Eye Of Sirius".

Detto ciò, non allarmatevi, i Neter non si sono rammolliti e non hanno mollato la presa, le cartellate in pieno volto non mancano di certo. Basta infatti incrociare episodi come "The Pillars Of Heracles", "Atlantis Of The Sands", "Galvanize" ed "Endemic Warfare" per capire che l'antifona non è poi così cambiata, pur se tuttavia l'ascolto è divenuto maggiormente fluido, perdendo almeno in parte la sensazione di monoliticità, a dire il vero non poi così fastidiosa, riscontrabile in "Idols".

Se i signori del genere da sempre in attività (Deicide) e rientranti in scena (Monstrosity) mi hanno fatto soffrire più del dovuto quest'anno, pubblicando album che non ho particolari remore nel definire imbarazzanti, quelle che spesso consideriamo seconde o terze linee sembra invece stiano pian piano crescendo. Di certo i Neter non inventeranno mai nulla e difficilmente vi faranno urlare al miracolo, ma ogni qualvolta avrete voglia di far girare nel lettore "Inferus" ne rimarrete soddisfatti e oggi ciò vale più di quanto ci si potrebbe immaginare.