#32 BREVI MA INTENSI

#32 BREVI MA INTENSI

Nell'ultima uscita precedente i decantati "festeggiamenti" della prossima settimana, in modo del tutto casuale, si profilano nell'elenco degli articoli un numero di recensioni particolarmente brevi e concise, ma come sempre puntuali ed esaustive; la ragione di ciò, spesso (ma non sempre) risiede in album, ep o demo particolarmente contenuti nel loro minutaggio. Tra questi troviamo infatti i nuovi ep dei tedeschi Witching Hour (thrash dalle venature black), dei francesi The Witch (progressive) e dei nostrani Whales And Aurora (post-rock) e un demo del progetto russo Astarium (black). Passando invece agli album completi, il menu di inizio giugno prevede Burning Flesh (death metal), Albinö Rhino (stoner-doom) Caught In The Between (thrash-death), Thrashback (thrash), Temple Of Baal (black-death), Suffer Yourself (death-doom), MyBad (punk-rock, per non dimenticare i suoni meno estremi), Desert Storm (southern-psych) e Noctem (di nuovo black-death). Una discreta varietà anche questa settimana, mi permetto di dire.

A conclusione del lotto, siamo molto soddisfatti di presentarvi una chiacchierata con gli italianissimi Dark Lunacy (melodeath), per approfondire le tematiche che riguardano il recente "The Day Of Victory", da noi recensito due "numeri" fa, ma non solo.

Buona lettura e a risentirci per il nostro compleanno.

RECENSIONI:
Albinö Rhino – Albinö Rhino
Astarium – Heritage Of Warlords
Burning Flesh – New Chaos Order
Caught In Between – The Asylum
Desert Storm – Horizontal Life
Mybad – Parabellum
Noctem – Exilium
Suffer Yourself – Inner Sanctum
Temple Of Baal – Verses Of Fire
The Witch – Black Flower Field
Thrashback – Possessed By Thrash
Whales And Aurora – Whales And Aurora
Witching Hour – Where Pale Winds Take Them High

INTERVISTA:
Dark Lunacy

Facebook Comments