#69 PROFUMO DI NAPALM

Care lettrici e cari lettori,

esistono davvero pochi grandi gruppi che nel corso degli anni non hanno perso un grammo della propria cattiveria e aggressività originarie, restando coerenti e inossidabili. Fra questi possiamo annoverare certamente i paladini del grindcore Napalm Death, che sono tornati con un nuovo album intitolato "Apex Predator – Easy Meat": a detta di Ul Fieschi è l'ennesimo centro per la band anglosassone! Forse perché oggi come trent'anni fa il mondo è ancora un luogo orribile e carico di ingiustizie?

A fare da "spalla" ai britannici a livello di estremismo in questo aggiornamento troviamo i francesi N.K.V.D., che non fanno prigionieri per merito di un black metal dai toni industriali marziale, ossessivo e dissonante. Dopodiché spazio ai suoni più rallentati e cupi del doom: potrete scoprire il groove e gli influssi della New Wave Of British Heavy Metal dei Barabbas oppure le atmosfere con qualche puntata funeral dei Lachrimatory o ancora le calde melodie dei The Flowers Of Crestfallen Shores. Proseguiamo poi col prog metal robusto dei Sorizon, l'heavy metal che guarda al passato degli Hypnos, il black metal a tinte post rock e shoegaze degli Apnea e l'alternative rock dei nostri connazionali Stage Of Reality.

Infine chiudiamo con un trio di sperimentatori: i russi Nebula VII sondano lo spazio più buio e profondo col loro dark ambient; i Terminal Sound System solcano lidi drone in chiave ambientale; mentre i Satanicpornocultshop manipolano e distorcono le note del noise rock strumentale.

Da M1 per ora è tutto, a risentirci!

RECENSIONI:
Apnea – Silent Cities
Barabbas – Messe Pour Un Chien
Hypnos – Hypnos
Lachrimatory – Transient
N.K.V.D. – Hakmarrja
Napalm Death – Apex Predator – Easy Meat
Nebula VII – Dawn Of A New Era
Satanicpornocultshop – Brushed
Sorizon – Somnus
Stage Of Reality – The Breathing Machines
Terminal Sound System – Dust Songs
The Flowers Of Crestfallen Shores – Beyond The Horizon Of Dreams

Facebook Comments