#70 DAI NOVANTA CON FURORE

Care lettrici e cari lettori,

questa settimana torniamo a focalizzarci sulla nostra amata-odiata Penisola, grazie a due dischi nuovi di zecca da parte di formazioni attive sin dalla metà degli anni '90. Il quinto album degli Ecnephias segna l'avvicinamento a sonorità gotiche e mediterranee piuttosto varie e personali, mantenendo comunque legami col passato estremo. I Desecrate invece proseguono il proprio percorso stilistico fatto di ottimo death metal melodico e nel quale il pianoforte riveste un ruolo importante; qualora voleste saperne di più, non perdete l'intervista realizzata da Mourning.

Gli altri sei dischi da presentare si collocano in altrettanti filoni musicali: sul versante estremo abbiamo il grind a tinte "crossover" dei Nesseria e il death-black metal dei Demonomancy; i francesi Elvenstorm invece suonano heavy-power d'annata, mentre i Gorilla Pulp miscelano stoner e suoni anni '70; infine restano gli alti e bassi dei Kynesis (in bilico fra post e nu metal, elementi industriali, melodia e groove) e l'ambient rilassante degli Horizon.

Sperando di aver accontentato i gusti di tutti voi, vi diamo appuntamento per lunedì prossimo e buona lettura!

RECENSIONI:
Demonomancy – Rites Of Barbaric Demons
Desecrate – Orpheus
Ecnephias – Ecnephias
Elvenstorm – Blood Leads To Glory
Gorilla Pulp – Hell In A Can
Horizon… – Don't Let The Time Pass You By
Kynesis – Kali Yuga
Nesseria – Fractures

INTERVISTA:
Desecrate

Facebook Comments