#81 LA SOTTILE LINEA TRA IL METAL E IL NERD

Probabilmente ad alcuni suonerà scomodo, ma che il disagio metallaro sia spesso e volentieri accompagnato da gusti non proprio comuni anche in altri campi è piuttosto evidente. Cinema, letteratura e altre forme d'arte si declinano sovente, con il metallaro, in generi che più spesso che no non vengono apprezzati dalle masse: horror, fantascienza, fantasy, e si potrebbe continuare a lungo. E un'altra grande passione, molto di frequente, è quella per i videogiochi. Questo volo pindarico per introdurvi il nostro live report della settimana: un commento del sempre imprevedibile Istrice circa la data al teatro degli Arcimboldi di Milano dell'orchestra sinfonica dedicata all'interpretazione di The Legend Of Zelda.

Proseguiamo con sette articoli più prevedibili: si va dai bravi deathster svizzeri Defaced (recensione e intervista per loro), alla formazione thrash belga Devastation, passando per i lavori dei nostrani Contagio (metalcore), Caterina Palazzi Sudoku Killer (noise rock) e le nostre vecchie conoscenze Veratrum (death metal). Concludiamo poi con una ristampa analizzata dal nostro archeologo ticinese di fiducia: stavolta si va dalle parti dei thrasher cileni Apostasy, anno domini 1990.

Buona lettura e a risentirci la prossima settimana!

RECENSIONI:
Apostasy – Sunset Of The End / Fraud In The Name Of God
Caterina Palazzi Sudoku Killer – Infanticide
Contagio – Requiem For The Undead
Defaced – Forging The Sanctuary
Devastation – Pussy Juice Blues
Veratrum – Mondi Sospesi

LIVE REPORT:
The Legend Of Zelda – Symphony Of The Goddesses (24/04/2015 @ Teatro Degli Arcimboldi, Milano)

INTERVISTA:
Defaced

Facebook Comments

Un pensiero riguardo “#81 LA SOTTILE LINEA TRA IL METAL E IL NERD

  • 14 Maggio 2015 in 9:21
    Permalink

    Bosj, metallaro lo vai a dire a tua sorella. Mi sono sentito offeso nel profondo del mio nobile animo.

I commenti sono chiusi