FORGOTTEN HORROR

FORGOTTEN HORROR

   
Gruppo: Forgotten Horror
Traduzione:  Insanity
 
Formazione:

  • Corpse – Basso
  • Kassara – Batteria
  • Tuomas Karhunen – Voce e Chitarra
 

Ho oggi il piacere di condividere l'angolo dedicato alle interviste con T., cantante e chitarrista dei Forgotten Horror, formazione finnica che ha da poco rilasciato il fantastico debutto "The Serpentine Creation".

 


 

Benvenuto su Aristocrazia Webzine, iniziamo subito col parlare delle radici dei Forgotten Horror, come nasce la band? E quali sono stati i motivi che ti hanno spinto a darle vita?

Ciao ciao. La band è nata dalle fiamme della scena underground black metal della mia città, Kuopio. Ho suonato in band metal dalla fine degli anni Novanta, e a gennaio del 2004 ho creato la mia, chiamata Forgotten Horror. Volevo avere qualcosa di mio con cui combinare il mio interesse verso la storia del mondo e della guerra. Ma la cosa più importante è che volevo avere un modo per esplorare le tradizioni occulte, sia in teoria che in pratica, attraverso la musica.

Quando ho letto che i musicisti coinvolti in questa realtà erano tutti e tre componenti di un'altra band che mi piace, i Deathchain, mi attendevo un album completamente diverso come sound da ciò che ho poi ho ascoltato in "The Serpent Creation". Com'è stata la fase di "gestazione" del disco?

Sono entrato nei Deathchain a fine 2007 e Kassara è stato un membro dei Forgotten Horror anche prima che entrassi nei Deathchain. Dopo di me è entrato Corpse come bassista, per cui le similarità di formazione sono solo un risultato logico del fatto che ci sono più band coinvolte. A proposito del processo di composizione del debutto dei Forgotten Horror, ho iniziato a comporre nel 2007 e ho fatto tutta la musica e i testi progressivamente prima delle registrazioni, nel 2009. In un senso iniziatico, "The Serpent Creation" è un passo conscio verso il grembo oscuro di Lilith, un'apertura dei cancelli.

In fase di recensione ho citato gruppi quali Necrophobic e Dissection in quanto il suono svedese di estrazione black/death di queste due formazioni si sposa perfettamente con quello insito nel lavoro, in certi momenti sembra proprio di poter ascoltare queste due band con il carattere evocativo di alcune scelte dei Morbid Angel. Tirare in ballo i testi e il modo di porsi del Jon Nodtveidt dei primi due capolavori è forse la via più semplice per entrare in contatto con il vostro approccio ai temi legati all'occulto e al satanismo?

Probabilmente c'è qualcosa di simile nel suono dei Forgotten Horror con alcune band svedesi. Ma non faccio confronti tra la mia musica e quella degli altri, non penso a queste cose. Le tematiche occulte ed esoteriche dei Forgotten Horror sono basate sul mio personale percorso d'iniziazione della magia oscura, concentrandomi su varie tradizioni spirituali e dottrine come Qliphothic Qabalah, l'Indù e il Tantricismo Buddhista, tradizioni precolombiane, etc. Penso che il modo più semplice per entrare in contatto con queste forze sia cercare informazioni su esse leggendo letteratura occulta ad esempio. E poi applicando questa conoscenza nella pratica, puoi vedere e provare tu stesso invece di leggere e basta.

Musicalmente reputo "The Serpent Creation" inattaccabile in quanto è chiaramente un prendere o lasciare, se non lo accetti per com'è non riuscirà quindi mai a colpirti in pieno pur avendo delle melodie in certi momenti "stranamente" orecchiabili. Se ti chiedessi di definire ogni singolo brano con un aggettivo quali sceglieresti? E citandone uno che riassuma in toto le qualità della scaletta?

Hmm, lo farò scrivendo le prime parole che mi vengono in mente, ok? Bene:

  1. "Destroyer Of Time": L'intero sound della band in una canzone.
  2. "Poison Of God": Aggressione.
  3. "For Thy Crimson Glory": Melodia.
  4. "Burial Ground Prayer": Vamachara.
  5. "She Who Dwells Beyond Death": Devoto.
  6. "The Serpent Creation": Gnosticismo.
  7. "Hannibal": Forza di volontà.
  8. "Dreams Of Scipio": Vittoria.

"The Serpent Creation": Un inizio.

Le ultime due tracce, "Hannibal" e "Dreams Of Scipio", hanno chiaramente riferimenti storici. Perché narrare le gesta di questi due uomini? Un cartaginese e un romano rimasti impressi nella mente di molti per il loro modo di muoversi in battaglia, fierezza e coraggio il primo, diplomazia, astuzia e senso tattico il secondo, il rovescio della stessa medaglia?

Stavo leggendo una serie di libri di storia del mondo e quando ho notato questi due individui eccezionali che facevano la loro parte per Roma diventando il primo super-potere, ho voluto subito scrivere su questo confronto perchè ho pensato che avesse corrispondenze simboliche con esso. Sono signori della guerra e conquistatori come Hannibal Barca, Scipio Africanus, Julius Caesar etc. che penso stiano mostrando cosa si può fare con la pura forza di volontà. Ci arriva nelle nostre vite di ogni giorno, come ci relazioniamo con le cose che ci porta questo mondo. Ci arrendiamo e sottomettiamo o prendiamo una posizione.

È a mio avviso fondamentale per un disco come "The Serpent Creation" l'apporto che la sezione grafica e il libretto informativo danno, offrendo sia una rappresentazione visiva che la possibilità di entrare in contatto con i testi accompagnati dalle splendide opera di Timo Ketola. Conoscevi già questo artista tuo connazionale? Come siete entrati in contatto?

Sì, conoscevo Timo Ketoladog prima del nostro lavoro con i Forgotten Horror. È un amico e ammiro la sua arte. Anche un'artista spagnola, Érika M. Jansen, ha fatto immagini per la cover. È una buona amica ed ha fatto un lavoro incredibile con le illustrazioni di Lilith e Coatlicue. Amo davvero l'approccio di Érika alle tematiche che le ho presentato, perchè lei non ha un background come disegnatrice per band metal. Questo porta un certo approccio fresco al suo lavoro e lei è un'artista con molto, molto talento. Sono curioso di sapere se continueremo la nostra collaborazione per il materiale futuro.

La Finlandia quest'anno in ambito death mi ha regalato parecchie emozioni e tu sei un veterano della scena metal, com'è cambiata quella finnica da quando hai iniziato a muovere i primi passi al proprio interno a oggi? Cosa ti manca delle decadi passate e cosa invece non rimpiangi affatto?

Ho vissuto alcuni anni in Spagna e ora vivo in Svezia, per cui non ho lo stesso contatto con la scena underground finlandese. Ma vedo che la scena è cambiata ovunque e sta cambiando ancora. Degli anni Novanta mi mancano le atmosfere violente e blasfeme del Black Metal, sai? Ho molto bei ricordi di quel periodo.

Ci sono band odierne che ti piacciono e ne consiglieresti l'ascolto?

Hmm non so, ho ascoltato molta nuova musica che mi è nuova, ma le band non sono nuove… Mi piace il materiale dei Ghost ed anche Year Of The Goat. Sono abbastanza nuove, no?

La situazione economica mondiale è in crisi, le guerre di stampo religioso continuano ad aumentare il numero delle carneficine di cui si rendono autrici, la "religione" è l'oppio dei popoli e la peste nera che non c'ha mai abbandonato il potere, come vedi l'involuzione che l'uomo sta vivendo giornalmente condita dallo strafottente pavoneggiarsi mediatico e tecnologico che a loro dire conduce invece a una evoluzione del nostro pensiero?

Sì, l'evoluzione tecnica è in parte la ragione per cui noi come umani siamo regrediti spiritualmente dal passato. Ora con molti decenni di punti di vista filosofici, scientifici e spirituali dall'est e dall'ovest che si incontrano, siamo in un interessante incrocio. L'approccio completamente scientifico non ci ha dato tutte le risposte e le religioni sono usate per l'oppressione e la politica. Qui è dove la via della mano sinistra, l'occultismo e l'esoterismo entrano in gioco. Danno una possibilità ad ogni persona di trovare il proprio destino. La verità dietro le parole, la verità dietro il terreno.

Ti ho posto la domanda precedente perché la musica è da sempre uno dei veicoli di comunicazione più importanti e con la quale facilmente si può arrivare all'orecchio e alla testa (quando la si ha funzionante, quindi politici e clero nel 99% dei loro componenti sono esclusi) delle persone. La scienza continua a martellare le palle di noi "poveri" ascoltatori metal con teorie bislacche sulla depressione e il suicidio tanto da far marciare a vele spiegate il signor Ratzinger. Qual è il tuo pensiero sul mondo metal? È davvero così pieno di autolesionisti, sfigati e gente che forzatamente uscirà di casa uccidendo qualcuno urlando "I will kill you" in stile George Fisher?

Penso che ci siano idioti ovunque, fuori e dentro la scena metal. Vedo molti lati positivi nello stato attuale del mondo metal, è vivo e sta bene. Ma vedo anche certe cose e fenomeni che proprio non mi vanno a genio. In realtà sono più interessato all'idea di musica in generale e a come incide sulla coscienza umana. La musica è un modo diretto per essere in contatto con essa. È sempre stata usata come un mezzo per viaggiare all'inferno o per contattare il divino, come le percussioni degli sciamani o i canti dei mantra. Ma tornando alla tua domanda, penso che le persone facciano ciò che si sentono di fare e molte persone trovano giustificazioni, come se non sapessero la reale ragione delle loro azioni. Per cui ci sono persone che fanno cose malate ma che non ascoltano metal. Se qualcuno cade in depressione, puoi anche incolpare Paperino perchè le ragioni delle cose cattive non sempre vengono da fuori. Senza offesa per Paperino, mi piacciono i cartoni degli anni Trenta e Quaranta.

Qual è l'obbiettivo personale che ti eri prefissato quando hai iniziato a comporre "The Serpent Creation"?

Ho iniziato a lavorarci nel 2007 quando ancora vivevo in Spagna. Volevo un album che mi suonasse fresco e volevo farlo indipendentemente e come volevo io, ed è ciò che ho fatto.

L'approfondimento tematico ad ampio raggio, o definiamolo come aperto ad addentrarsi in territori non proprio consoni alla "normalità" delle canzoni basate sulla banalità più becera (sole, cuore, amore), è sempre stato vittima di accuse. Il rock quanto il metal che n'è per derivazione la versione più "estrema" sono sempre stati etichettati quali musiche diaboliche e disturbanti. E se invece fosse solo libero pensiero? Ti senti un uomo libero di muoverti ed esprimerti internamente a questa società fatta di ipocrisie e "marchi" da magliettina usa e getta?

Amo questo mondo ma odio la nostra società, non siamo per niente liberi qua. La chiave per la libertà sta nella resistenza antinomica contro lo status quo. E per essere liberi in questa società, bisogna rinascere ancora nell'oscurità. A mio parere la musica rock ha qualcosa di diabolico al suo interno, è la musica del diavolo e contiene lo spirito di ribellione.

Il disco non è uscito da molto, sono già arrivati i primi riscontri da parte della critica e da parte dei fan?

Sì, quasi tutti i commenti sono stati positivi. Sono molto critico verso me stesso per cui sto già pensando alla creazione del prossimo album, meglio e più concentrato che mai. Nel momento in cui stai facendo una canzone, l'emozione giusta è quando pensi "è la miglior canzone del mondo!". È così che capisco quando sono sulla strada giusta nella composizione dei brani.

Avete già avuto occasione di presentare "on stage" i brani di "The Serpent Creation"? Ci sarà un tour di supporto al lavoro?

Sì, abbiamo suonato con Sargeist, Ondskapt, Sacrilegious Impalement e Valoton, è andata alla grande! Stiamo sicuramente per ricominciare a suonare live, non ci sono dubbi… È sempre stata questa l'intenzione. Seguiteci per sapere le date! Prima di tutto suoneremo probabilmente in Finlandia e Svezia, ma scommetto che ci metteremo poco prima di spingerci oltre.

Deathchain, Forgotten Horror, Jess And The Ancient Ones , è complicato far sì che gli impegni delle tre realtà non si ostacolino? Come ci si gestisce in una situazione simile?

Al momento le mie band e il mio lavoro sull'esoterismo sono cose su cui sono completamente concentrato ed è in effetti una sfida. Voglio dire, devo fare davvero dei sacrifici e lasciar perdere altre cose per essere attivo in così tante band. Per complicare le cose, vivo in Svezia e tutte le tre band sono in Finlandia [ride]!  Per cui a volte sembra che io debba essere un po' pazzo per fare questo, ma è così che sono ed è proprio quello che voglio fare. E in realtà sto lavorando a del materiale per un'altra band [ride].

Passioni musicali extrametal?

Mentre sono in giro con le band, tendo a vivere nel poco salutare stile rock'n'roll [ride]! Per cui per bilanciare, quando sono a casa cerco di vivere in modo sano, facendo esercizio e facendo attenzione a ciò che mangio. Non so, penso ci sia un lato masochista di me perchè a volte tendo ad andare verso un certo tipo di ascetismo. Come ho detto, al momento la mia vita è dedicata all'occulto ed alla musica quindi non ho molto tempo per altro. Ogni tanto disegno e scrivo qualcosa. Cerco di passare il mio tempo nella natura per quanto posso.

Ci sono altre forme d'arte (letteratura, cinematografia etc… etc…) delle quali t'interessi?

Sono un fan del cinema. Non guardo TV e non l'ho mai avuta per anni, ma amo guardare bei film. Mi piacciono tutti i generi, dalle commedie ai drammatici. "Dracula" di Coppola, "Nosferatu", "Fearless Vampire Killers", "Gladiator", "Kill Bill Vol. 1 & 2"… E sì, la letteratura. Per la maggior parte leggo letteratura occulta e materiale collegato al ritualismo. Per le altre cose leggo romanzi come "Shogun", "Tai-Pan", "Pillars Of The Earth"…

Cosa dobbiamo attenderci nel futuro prossimo dai Forgotten Horror?

Ci concentreremo sul lato live mentre scriveremo il prossimo album. Sono così eccitato per il concept e per i piani sul futuro dei Forgotten Horror che non vedo l'ora che arrivi il 2012! Posso dire che tutto sarà più improntato sul trasmettere energie dall'altro mondo in una maniera più sistematica. Sarà materiale hardcore collegato ai sogni, sogni lucidi, incubi… Il lato oscuro della Luna.

Grazie mille per il tuo tempo! L'ultima parola è sempre dell'ospite quindi a te portare al termine l'intervista come meglio credi…

Grazie mille per questa intervista. Il materiale futuro sarà qualcosa per cui vale la pena aspettare un po'… Nel frattempo date un ascolto a "The Serpent Creation" ed un'occhiata al video. Spero di vedere alcuni dei lettori di Aristocrazia Webzine partecipare alle nostre cerimonie live un giorno! In Nomine Draconis!

Facebook Comments