SORROWS PATH

   
Gruppo: Sorrows Path
 
Formazione:

  • Angelos Ioannidis – Voce
  • Kostas Salomidis – Chitarra
  • Giannis Tziligkakis – Chitarra
  • Stavros Giannakos – Basso
  • Fotis Mountouris – Batteria
 

SORROWSPATH

Oggi ho il piacere di conoscere meglio i Sorrows Path, band greca che ha pubblicato nel 2010 il primo album, "The Rough Path Of Nihilism".


 

Benvenuti su Aristocrazia Webzine, come va ragazzi?

Sorrows Path: Ciao! Stiamo davvero bene… Abbiamo appena iniziato a lavorare sul nuovo materiale con la band!

Di solito le nostre interviste iniziano con qualche accenno biografico della band. Volete raccontarci qualcosa sulla vostra storia?

Certo! Ci siamo formati nel novembre del 1993 e abbiamo pubblicato due demo nel 1995 e nel 1996 dal titolo "Sorrows Path"e "Promo '96" che ci hanno fatto conoscere nell'underground greco come una band doom con un sound e delle influenze davvero unici e personali. Dal 1998 al 2005 il gruppo è stato inattivo a causa di vari motivi e siamo tornati con la compilation dei nostri demo chiamata "Resurrection", che è stato rilasciata dalla greca Eat Metal Records nel 2006. Abbiamo effettuato molti concerti in tutta la Grecia, sin dalla nostra nascita e anche dalla nostra rinascita, come supporto a ben noti gruppi metal come Solitude Aeturnus, Isole, Forsaken, Ereb Altor, Memory Garden, Pagan Altar, Scanner, Crystal Viper, Wotan e Brocas Helm, o dividendo il palco con alcune delle band più famose della Grecia. Nell'ottobre del 2010 il nostro nuovo album "The Rough Path Of Nihilism" è uscito tramite la tedesca Rock It Up Records. Contiene dodici nuove canzoni metal!

Vi siete formati nel 1993, come mai il vostro album è uscito solo diciassette anni dopo?

La ragione sono stati i brutti incidenti accaduti alla band! Uno dei due fondatori è morto di una grave malattia al cervello nel 1995 e l'altro è rimasto quasi paralizzato pochi anni dopo a causa dell'effetto di un precedente incidente motociclistico. Il risultato fu che la band è stata inattiva negli anni 1998-2005, ma quando la salute del co-fondatore è migliorata siamo ritornati davvero sul mercato…

"The Rough Path Of Nihilism" è, per me, uno dei migliori dischi del 2010. Come è stato accolto dal pubblico?

Ehi amico, ti ringrazio molto! Le prime recensioni sono davvero mozzafiato! La maggior parte dei voti sono molto alti e i recensori descrivono il nuovo album come l'ideale, unica miscela di doom epico con elementi progressive, magari un po' di progressive rock e tratti orientali! Abbiamo anche alcuni commenti davvero incoraggianti da parte di fan e amici, qui in Grecia. Questo è molto importante se si considera che stiamo parlando del primo album di una band!

Principalmente doom classico, ma anche accenni a soluzioni power e progressive. Quali sono le band e i dischi che amate e che vi hanno maggiormente influenzato?

Beh, non possiamo parlare di album in particolare ma, quando abbiamo iniziato con la band nel 1993, eravamo influenzati da band doom come Memento Mori, Solitude Aeturnus e Candlemass. Ora gli anni sono passati e, naturalmente, non dimentichiamo i nostri mentori, ma d'altra parte dobbiamo essere maturi e offrire al pubblico qualcosa di nuovo, questo è il nostro sogno. Quindi non riteniamo che ci siano influenze specifiche nel nostro nuovo album.

Personalmente "Dirty Game" e "Prostitute" sono le canzoni che più mi piacciono. C'è qualche brano del vostro disco a cui siete particolarmente legati?

Beh, naturalmente queste due canzoni sono le più popolari! Ogni canzone del nuovo album ha un suo significato personale, speriamo che abbiano qualcosa da dire… Forse si dovrebbe in primo luogo guardare il nostro videoclip ufficiale di "Empty Eyes And Blackened Hearts", questa è una canzone che comprende la maggior parte dei messaggi che si possono trovare in "The Rough Path Of Nihilism".

Come siete venuti in contatto con la Rock It Up Records?

La Rock It Up Records collaborava con la nostra precedente etichetta, la greca Eat Records, da tre anni al fine di distribuire la compilation dei nostri demo, "Resurrection"! Abbiamo avuto alcune proposte da etichette discografiche in tutto il mondo per l'uscita di "The Rough Path Of Nihilism, ma abbiamo deciso che questa casa discografica tedesca era la scelta ideale per noi! Franko Sturm, il capo dell'etichetta, ha mostrato un interesse reale e si è preoccupato per la nostra band e per di più è una persona molto affidabile.

Come nasce una vostra canzone? Chi si occupa delle varie fasi della composizione?

C'era questa stessa filosofia musicale e lirica nella band fin dall'inizio! Questo è stato un accordo segreto tra i due fondatori in modo che il co-fondatore che rimase in vita continuasse a scrivere alcune canzoni e testi su queste cose. Poi tutti i membri dei Sorrows Path si sono occupati della composizione, anche suggerendo alcune cose che dovevano essere cambiate, cioè alcune melodie o armonie nelle canzoni… qualsiasi cosa! Crediamo molto nella cooperazione e nella fratellanza e questo diventa realtà in primo luogo nella nostra "casa", la nostra band!

Quali sono le tematiche che trattate nei testi?

Ci chiediamo come l'Uomo possa salvare la sua esistenza mortale attraverso la compassione e il dolore, e superando la sua vanità e i suoi desideri! Parliamo della liberazione dell'Uomo dalle catene dei dogmi e dei suoi significati, in modo che possa trovare l'animale e il bambino che sono nascosti dentro di lui. Esprimiamo anche il sarcasmo e il disprezzo verso la vanità, la fama, il denaro, il potere e per tutti i tipi di dipendenze. In poche parole, parliamo di cose che possono ripristinare le armonie rotte ovunque esse si trovino!

Da cosa è rappresentato il vostro "sentiero del nichilismo"?

Nella nostra coscienza e nella nostra mente il nome Sorrows Path era collegato fin dall'inizio alla vita di tutti i popoli. Una vita che, non importa come sembri, breve o lunga, brutta o bella, ha un finale veloce e riteniamo che da quel punto sia un percorso di dolore inutile. Ma anche se la nostra vita fosse eterna, la vanità esisterebbe ancora. L'Uomo sarebbe come un triste vampiro, perso in un'eternità senza senso! Così si può finire nel trovare il nulla ovunque! L'unica cosa che si dovrebbe fare è capire questa realtà e cercare di trovare il proprio "nirvana". Bisogna essere dei combattenti nella vita e non aver paura della morte! La morte è solo una porta a qualcosa di diverso e l'originale unione con l'universo la si deve trovare nella vita sulla Terra! Altrimenti sarai un essere patetico e un cancro vivente sulla Terra…

Negli ultimi anni l'autoproduzione da parte delle band è un fenomeno sempre più comune. Quali sono secondo voi i motivi di questa tendenza?

Oggi le grandi etichette danno fiducia solo ad alcuni vecchi gruppi certi di guadagnare sicuramente qualcosa! D'altra parte, è molto difficile per una band trovare la firma anche con una etichetta piccola e se ciò accade ci sono cattive condizioni nel contratto! La band non prende soldi e nella maggior parte dei casi non c'è nessuna distribuzione, quindi si preferisce fare tutto autonomamente! Noi abbiamo la fortuna di essere in un'etichetta che rispetta molto la band e siamo grati alla Rock It Up Records per questo!

Social network e file-sharing: quale è la vostra opinione al riguardo? Ne fate uso? Danneggiano la musica o la favoriscono?

L'unico modo per le nuove band di promuovere la loro musica è tramite Internet! Quindi siamo assolutamente d'accordo sull'uso di Internet, ma bisogna essere maturi a tale proposito. Sostenere le band metal underground, acquistare i loro album e andare ai loro concerti, questo è l'unico modo per aiutare questa musica a sopravvivere!

La scena del metal estremo in Grecia è stata spesso la culla di molte perle, quali sono i vostri rapporti con le band del vostro paese?

Sì, è vero! Rotting Christ, Septicflesh, Nightfall e molte band greche più famose sono davvero estreme! Abbiamo rapporti piacevoli con alcune bande greche, ma molti di loro non si sostengono molto a vicenda, si sentono gelosi e temono il confronto con altri musicisti in un'inutile contraddizione. Sono stupidi, se solo potessero capire che il successo di una band greca sarebbe davvero d'aiuto per tutte le altre…

Come è la vostra vita al di fuori della band?

Beh, siamo davvero persone normali con un lavoro quotidiano e le famiglie! L'unica cosa che stiamo cercando di fare di più è dedicare molto del nostro tempo libero per i Sorrows Path, in modo che possiamo essere professionali e affidabili in ciò che stiamo facendo con la band!

State facendo concerti per promuovere il disco? Quale è il riscontro del pubblico in sede live?

Sì, certo! Abbiamo fatto i nostri due concerti di uscita in Germania e in Grecia, abbiamo suonato in alcuni concerti seri e siamo stati a Malta lo scorso novembre per il Malta Doom Festival. Abbiamo anche fatto altri concerti tra cui la nostra partecipazione al grande Agia Napa Youth Festival in agosto a Cipro con grandi band come Stratovarius, Rotting Christ, Sabaton e molti altri… Abbiamo anche in programma alcuni piccoli tour in Grecia e in Europa! Vogliamo pianificare le cose con attenzione, perché i tempi sono molto stretti e ci sono molti problemi economici in Grecia… D'altra parte non vogliamo essere inutili, ma muoverci con cautela e fare il meglio con i Sorrows Path! Siamo molto soddisfatti della risposta e della dedizione dei fans del doom nei nostri confronti!

Progetti per il prossimo futuro?

Come già detto, stiamo lavorando su nuove canzoni! Potrete attendere un paio d'anni per un nuovo album dei Sorrows Path! Siamo tornati per restare, questo è certo!

Vi vedremo in Italia?

Siamo stati molto vicini a esibirci in Italia l'anno scorso, ma qualcosa è andato storto all'ultimo… Siamo aperti a qualsiasi invito e saremmo felici di suonare finalmente dal vivo in Italia! Ci sono molti gruppi metal buoni e tanti fan appassionati.

Bene, l'intervista è conclusa, grazie per la disponibilità e porgendovi i miei migliori auguri passo a voi la parola per un ultimo messaggio ai nostri lettori.

Ti ringrazio molto per l'onore di questa intervista! Buona fortuna per i vostri progetti futuri! C'è un solo vero messaggio: doom rules eternally

Facebook Comments